Connect with us

Risorse

10 startup italiane da tenere d’occhio nel 2022 

Pubblicato

-

migliori 10 startup

Finora, l’Italia ha avuto un avvio relativamente lento nell’ecosistema delle startup rispetto ad hub più grandi come la Germania o la Francia. L’Italia è al 12° posto per investimenti in VC in Europa, con 3,6 miliardi di euro raccolti negli ultimi cinque anni. Ultimamente, tuttavia, sono stati fatti grandi passi per ampliare l’ecosistema delle startup in Italia. Fondamentali in questo processo, sono stati fondi come CDP Venture Capital, il Fondo Nazionale Innovazione, Enea Tech per il trasferimento tecnologico e il Recovery fund. Di conseguenza, gli investimenti in capitale di rischio stanno crescendo rapidamente.

L’ecosistema delle startup italiane sembra entusiasmante per il 2022. In questo articolo, abbiamo voluto puntare i riflettori su alcune delle startup italiane emergenti che stanno dando segnali promettenti per il prossimo anno. Ecco la nostra lista di 10 startup italiane da tenere d’occhio nel 2022. 

Macai 

Fondata nel 2021, la startup milanese immagina un nuovo approccio ai supermercati digitali – puntando sull’offerta, più che sulla velocità. Nel novembre 2021, l’azienda ha raccolto un round pre-seed di 2,6 milioni di euro, il più grande mai registrato sul mercato italiano. Prezzi al dettaglio e consegne rapide e rispettose dell’ambiente sono alcuni degli ingredienti di questa startup italiana, con una missione a lungo termine per rimodellare l’esperienza della spesa.

Wetacoo 

Fondata a Roma nel 2021, Wetacoo risponde alle esigenze di spazio di stoccaggio di clienti privati ​​e piccole imprese per offrire una soluzione flessibile basata sulla centralità del cliente, sull’innovazione tecnologica e sulla logistica interna. I clienti di Wetacoo possono richiedere che i loro articoli vengano ritirati dove e quando preferiscono, conservati in modo sicuro in un magazzino e infine restituiti quando richiesto. L’azienda ha finora raccolto 750.000 euro per la sua tecnologia innovativa che sta cambiando le regole dello stoccaggio e della consegna a Roma.

Epicode School 

Fondata nel 2020, Epicode è una rivoluzionaria startup edtech dedicata a brevi corsi intensi che elevano la formazione e lo sviluppo delle competenze delle persone. L’azienda romana gestisce corsi in stile ‘bootcamp’, consentendo agli utenti di diventare sviluppatori web in soli tre mesi e inserirli immediatamente nel mondo del lavoro. Con corsi al 100% online, il contenuto è completamente accessibile a tutti. Si basa anche sulla pratica, con il 70% del corso dedicato a mettere in pratica gli apprendimenti. La giovane azienda ha già raccolto 1 milione di euro ed è destinata a crescere e ad espandersi ulteriormente poiché la domanda europea di sviluppatori web sta  crescendo.

PatchAi 

PatchAi è una piattaforma cognitiva che sostiene un migliore coinvolgimento dei brevetti. Fondata nel 2019, la startup mira a trasformare la ricerca clinica in un affare più umano attraverso la tecnologia. L’assistente virtuale intelligente di PatchAi utilizza strutture conversazionali e soddisfa le preferenze e le esigenze dei singoli genitori. La startup medtech ha finora raccolto oltre 2,6 milioni di euro. Poiché la pandemia ha accelerato la tendenza verso approcci sanitari digitali, è naturale prevedere che nel 2022 PatchAi sarà in una buona posizione per godere di un’ulteriore espansione.

Wiseair

 Originaria di Milano e fondata nel 2019, Wiseair ha la missione di consentire a tutti nel mondo di respirare aria pulita. La startup lavora per consentire a comuni, cittadini e imprese di misurare e conoscere la qualità dell’aria creando dati e informazioni fruibili e orientati alle soluzioni e generando consapevolezza. Alla fine del 2021, la giovane azienda ha chiuso un round seed da 1 milione di euro e ha segnato un anno entusiasmante a venire. L’avvio offre un sensore fit-and-forget che misura la qualità dell’aria – tht può essere utilizzato nel centro di una città tanto quanto in un piccolo villaggio. Attraverso l’app Wiseair, i dati grezzi vengono trasformati in informazioni accessibili e utilizzabili, in modo che tutti possano essere più consapevoli dell’aria che respirano ed essere parte della missione per ripulire il nostro spazio aereo.

BOOM 

Fondata nel 2018, la milanese BOOM, sta vivendo un periodo di rapida e impressionante crescita. BOOM è una startup di tecnologia fotografica che sviluppa e gestisce strumenti digitali per ottimizzare il processo di produzione e acquisizione di risorse visive in tutto il mondo. L’azienda offre una piattaforma del sistema degli ordini che snellisce l’intero ciclo di vita del servizio fotografico, dalla prenotazione alla consegna finale, nonché strumenti per facilitare il lavoro della nostra rete di fotografi, aiutandoli a tenere traccia dei loro incarichi programmati e interagire con tutte le parti coinvolte – rivolgendosi le esigenze delle imprese locali e delle aziende globali allo stesso modo nei settori dell’immobiliare, del food delivery, dell’e-commerce, della moda e non solo.

Zappyrent

 La startup Proptech, Zappyrent, facilita l’affitto di immobili residenziali dall’inizio alla fine, ottimizzando visualizzazioni, pagamenti e altro ancora. Utilizzando la tecnologia per rendere gli immobili più veloci, più convenienti e più affidabili, Zappyrent sta migliorando le relazioni tra proprietari e inquilini. Lanciata nel 2019, la piattaforma opera in 7 città in Italia (Milano, Roma, Firenze, Bologna, Verona, Torino e Catania) e ha un tempo record di 2 ore di affitto di alloggi.

Buddyfit 

 Offrendo un’esperienza di palestra digitale con lezioni mensili dal vivo con i migliori istruttori, Buddyfit consente agli utenti di tenere traccia dei progressi e consente di interagire con gli istruttori. La startup di tecnologia sportiva ha sede a Genova ma ha studi a Milano e Barcellona. La startup si impegna anche a piantare un albero ogni 100 allenamenti completati.

FlowPAY 

La startup fintech toscana FlowPay è una piattaforma di progettazione di soluzioni bancarie aperte che supporta le aziende con l’ottimizzazione e l’automazione delle attività di amministrazione, fatturazione e pagamenti. La piattaforma, sviluppata internamente da Flowpay, è integrabile tramite API. La startup sta inoltre sviluppando casi d’uso specifici per operazioni istituzionali che offrono servizi online, soluzioni ERP, trading di fatture, e-commerce B2B e portafogli digitali. In qualità di pioniere nello spazio bancario aperto per i pagamenti B2B, la società è stata riconosciuta nel 2021 da Crunchbase come un tesoro nascosto della fintech italiana, quindi sarà sicuramente interessante vedere cosa porterà il 2022.

Abiby 

La startup cosmetica milanese Abiby, offre un servizio esclusivo in abbonamento di beauty box ed è in rapida crescita. La startup dà visibilità a marchi e tendenze di cosmeticiemergenti da tutto il mondo, consentendo ai marchi stessi di entrare nel mercato italiano. Nel 2021 la società ha ricevuto 2,1 milioni di euro. Con la sostenibilità al centro dell’approccio aziendale, la startup lavora con marchi vegani e cruelty free e la scatola è interamente riciclabile.

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Newsletter



Top of the month