Connect with us

INNOVATORI VS COVID-19

Intervista a Andrea Carlet e Davide Deplano, soci fondatori di LYM

LYM S.r.l. propone una gamma di prodotti per l’emissione di energia wireless da integrare a parete e soffitto. Scoprite di più nella nostra intervista ai soci fondatori.

Pubblicato

-

lym parete wireless

Prima di tutto, come state, lei e la sua famiglia in questo periodo di emergenza COVID-19?

Bene, grazie, è stato un periodo comunque intensivo per noi tutti che ci ha visti impegnati nella gestione dell’emergenza e nella ricerca di nuove soluzioni, quindi non possiamo di certo dire di esserci riposati durante la quarantena!

Ci parli di lei, della sua carriera e di come nasce questa idea imprenditoriale ? 

La nostra azienda nasce nel 2017, noi soci fondatori, Andrea Carlet e Davide Deplano, abbiamo unito le nostre competenze tecniche e commerciali per fondare un progetto imprenditoriale focalizzato nella creazione di un nuovo modello interattivo tra uomo ed elettricità. L’idea, nata davanti ad un calice di buon vino rosso è il frutto di anni di conversazioni e discussioni su come potessimo rendere più semplice per le persone la fruizione dell’elettricità, oltrepassando il vecchio concetto di presa elettrica ed integrando nelle superfici di casa punti di alimentazione wireless, venendo incontro alla necessità di alimentare e ricaricare dispositivi elettronici da poter muovere quotidianamente all’interno ed all’infuori della casa.

Dalla concezione dell’idea sono passati 9 mesi di pianificazione per poi costituire LYM S.r.l. a marzo del 2017, il canonico parto, dopo 3 anni oggi le evoluzioni di prodotto e commerciali sono state diverse, ed il nostro viaggio imprenditoriale prosegue a gran velocità.

Come innova la vostra azienda? 

Proponiamo una gamma di prodotti per l’emissione di energia wireless da integrare a parete e soffitto, tra queste la più innovativa è sicuramente Ether, un pannello in cartongesso che può essere integrato nelle superfici di casa e che una volta installato risulta completamente invisibile ma permette di fissare magneticamente ed alimentare senza fili dispositivi di vario genere, dagli smartphones ai corpi illuminanti.

Oltre ai pannelli di emissione la nostra azienda sviluppa e produce anche tutti gli accessori ed i dispositivi che ricevono energia, abbiamo un’ampia gamma di corpi illuminanti e stiamo sviluppando proprio in queste settimane il primo modello di audio-speaker bluetooth con ricarica wireless. In sostanza diamo ai nostri clienti la possibilità di integrare nelle superfici di casa prese di corrente elettrica totalmente sicure (sono in bassissima tensione), invisibili, ergonomiche ed intuitive, dove poter ricaricare nella quotidianità tutti gli accessori più soggetti a movimentazione.

 

In che modo la pandemia da COVID-19 colpisce la vostra attività e come state affrontando questa crisi?

La contingenza legata alla diffusione del COVID-19 ha certamente colpito anche la nostra azienda, rallentando i processi di lancio commerciale dei nostri prodotti. È pur vero che la quarantena è stato per noi comunque un momento fondamentale per accelerare il processo di sviluppo di tutti i nuovi prodotti, di riorganizzazione aziendale del personale e delle attività previste a supporto dell’ufficio commerciale & marketing.

 Stiamo affrontando questa crisi nell’unico modo che riteniamo possibile e corretto, ovvero come momento di riflessione, di affiatamento e condivisione delle strategie all’interno del team aziendale. Abbiamo rivisto le strategie di lancio prodotto, trasformandole da offline ad online, proprio in questi giorni inizieremo con uno dei nostri partner distributivi, Knauf, un percorso chiamato “webtour” che vedrà la presentazione dei ns. prodotti e l’offerta commerciale ai rivenditori tramite incontri via web di circa un’ora. Crediamo fortemente in questo tipo di azioni, che inevitabilmente sono da considerarsi non come variazione della strategia ma come accelerazione temporale di un processo di innovazione nelle metodologie commerciali e marketing che saremmo comunque destinati a compiere fra non molto tempo.

Avete dovuto fare delle scelte difficili in questa situazione di emergenza ? E quali sono le lezioni apprese?

La lezione appresa è sicuramente che le contingenze imprevedibili e straordinarie esistono. La nostra generazione non ha vissuto le guerre, le abbiamo solamente studiate ed il nascere e vivere in un contesto socio-economico stabile ci ha portati a non considerare la possibilità di eventi di questo genere, eventi che hanno la forza di fermare l’economia su scala globale. Se non possiamo prevederle, dobbiamo quantomeno riabituarci alla possibilità che accadano e strutturarci aziendalmente in maniera snella e flessibile sotto ogni profilo.

 Le scelte difficili ci sono state, ma non sono state più ardue di tutte quelle che abbiamo affrontato dalla nostra costituzione ad oggi, l’importante, crediamo, in queste circostanze è contare su un team aziendale solido ed affiatato, che insieme agli imprenditori sappiano guardare lontano alle potenzialità del progetto e non ai piccoli problemi che quotidianamente l’azienda può ritrovarsi ad affrontare.

Come gestite lo stress e l’ansia in questo periodo e come vi proiettate, voi stessi e la vostra azienda nel futuro?

Mantenere la lucidità è fondamentale e non sempre scontato, è necessario riordinare le idee e continuare a confrontarsi costruttivamente su problematiche e strategie da attuare. Non crediamo ci sia una vera e propria regola, semplicemente come in ogni famiglia anche in azienda è necessario saper comunicare e sapersi comunicare, manifestando apertamente pensieri, preoccupazioni ed idee e discutendole insieme.

 Riguardo a come ci proiettiamo nel futuro, ci proiettiamo alla guida di un’azienda che vorrà essere sempre più un’industria di riferimento a livello internazionale per le soluzioni tecnologiche e di design in ambito Casa, perseguendo valori quali innovazione, made-in-Italy e sostenibilità.

Chi sono i vostri competitor e come pensate di superare la concorrenza?

Abbiamo la fortuna, ad oggi, di avere una gamma prodotto essenzialmente unica al mondo, ove i prodotti più forti sono peraltro coperti da brevetti internazionali d’invenzione in capo alla ns. azienda. Tendiamo a non guardare mai la concorrenza diretta o indiretta che sia, siamo proiettati alla realizzazione ed allo sviluppo del nostro percorso sul mercato il quale differisce da ogni altra azienda per tipologia di prodotto e strategie distributive. Ci preoccupiamo più di perseguire coerentemente i nostri target ed i nostri obiettivi creando valore aggiunto nel mercato.

Le sue considerazioni finali su questa emergenza? 

Rimanere lucidi, condividere pensieri e strategie con il team, fermarsi qualche ora a pensare e continuare a partorire creatività, non tagliare gli investimenti ma anzi tendere ad incrementarli cercando piuttosto, sempre guidati dalla creatività, nuove soluzioni di finanziamento del proprio progetto imprenditoriale. Ciò può voler dire coinvolgere altre persone quali investitori riducendo la propria fetta della torta, ma è necessario capire che ci sono dei momenti nella storia di un’azienda in cui o si accelera o si muore, non importa quanto innovativo o unico tu possa essere, quale che sia il fatturato della tua azienda o la presunta posizione di leadership nel tuo settore, mantenere stabile una posizione di per sé molte volte significa iniziare a perderla.

Il vostro sito Web ?

www.lym.it

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month