Connect with us

INNOVATORI VS COVID-19

Intervista a Carlo Picari, CEO di Kronos 4D: Innovazione nel settore dei beni culturali

Pubblicato

-

Carlo-Picari-Kronos-4D

Come state, lei e la sua famiglia?

Carlo Picari: Bene, grazie. Viviamo con un po’ di apprensione il momento, ma con l’arrivo dei vaccini speriamo di poter uscire presto da questa situazione.

Ci parli di lei, della sua carriera e di come nasce questa idea imprenditoriale.

Carlo Picari: Sono un architetto e mi sono sempre occupato di progettazione architettonica. Sono cresciuto con la passione per la storia e il digitale, affascinato dalle costruzioni di opere complesse del passato, dalla loro struttura, dall’estetica, dalla funzione che hanno avuto nella società che le ha prodotte. Ho sempre impiegato la computer grafica nei miei progetti e ho sempre creduto fermamente nell’innovazione tecnologica.

L’idea imprenditoriale nasce 5 anni fa dal Dott. Orlando Scaramuzzino, mio amico e socio, co-founder e CFO di Kronos 4D. Appassionato di arte, computer grafica e animazione, aveva in mente un progetto ben preciso: realizzare una società che operasse nel settore dell’innovazione tecnologica, legata alla valorizzazione e alla promozione del territorio e di tutte le realtà presenti in esso.

Come innova Kronos 4D?

Carlo Picari: Kronos 4D nasce con lo scopo di supportare enti, imprese e associazioni, sviluppando modi nuovi e creativi di promuovere, comunicare e informare, attraverso applicazioni innovative che impiegano la realtà aumentata, gli ologrammi e la realtà virtuale. L’obiettivo è quello di focalizzare l’attenzione sull’esperienza degli utenti, proiettando lo spettatore in una realtà dove arte, storia, cultura e tecnologie entrano in scena per rappresentare una spettacolare visione, capace di lasciare un segno indelebile.

Il core business comprende:

  • Comunicazione innovativa, high-tech Branding;
  • Promozione del territorio, Digital Heritage, Edutainment;
  • 3D Computer Graphics, CG Animation, Visual Design, VFX, Short-films;
  • Games & Apps development.

Il periodo compreso tra il principio del 2018 fino alla fine del 2019 ha rappresentato una sfida importante per quanto riguarda il settore beni culturali e Kronos 4D è riuscita a sviluppare importanti progetti:

“Pit@vatar”

Il primo ologramma in computer grafica 3D a grandezza naturale realizzato in Italia di un personaggio storico realmente vissuto nel passato. Pitagora, celebre matematico e filosofo greco, è stato il testimonial dell’evento di presentazione del progetto “Antica Kroton”, una delle più importanti campagne di scavi archeologici del sud Italia degli ultimi anni. L’avatar, controllato tramite un’applicazione, ha interagito con il conduttore della serata per poi rivolgersi al pubblico presente in sala.

“ArcheocardsTM”

Un museo virtuale a portata di mano. Il primo sistema in Italia di carte collezionabili per reperti archeologici in realtà aumentata, che consente a tutti i possessori di smartphone e tablet di tenere in mano un reperto archeologico virtuale e di portarlo ovunque con sé. Le cards rappresentano un metodo semplice per avvicinare i giovani alla storia e al patrimonio culturale e costituiscono un valido strumento dal punto di vista della didattica, molto apprezzato da genitori, insegnanti e ricercatori. Presentato in anteprima durante la XXII edizione della BMTA (Borsa mediterranea del Turismo Archeologico), Il più grande salone espositivo al mondo dedicato al patrimonio archeologico, ArcheocardsTM si è rivelato anche un ottimo strumento di marketing, promozione e valorizzazione, riscuotendo un grande successo.

“HoloX”

Abbiamo reso l’esperienza di apprendimento innovativa e stimolante, implementando le funzioni di una teca olografica attraverso un sensore di movimento dedicato di tipo “Kinect”, che consente di gestire, tramite gesti naturali del corpo, gli oggetti 3D visualizzati, offrendo all’utente la possibilità di selezionarli, ruotarli, ingrandirli e mostrare informazioni attraverso apposite didascalie.

In che modo la pandemia da COVID-19 ha colpito Kronos 4D e come state affrontando questa crisi?

Carlo Picari: La pandemia è stata un duro colpo da assorbire, arrivato proprio a ridosso di in un momento di espansione dell’azienda. L’impatto è stato immediato. Sebbene la nostra attività si occupi di digitale, è in buona parte legata alla realizzazione di eventi e manifestazioni di tipo culturale, musicale ma anche commerciale, che richiamano un notevole afflusso di persone. Sospese tutte queste attività, anche il nostro lavoro ha subito un certo ridimensionamento.

Nonostante tutto abbiamo affrontato con il miglior spirito possibile questo momento, un’opportunità per definire meglio e programmare i percorsi futuri di sviluppo e progettare il piano d’azione per i prossimi anni. Riorganizzato l’assetto funzionale dell’azienda, abbiamo agito su due fronti:

1 – Un maggiore utilizzo del lavoro in “smart working” rispetto al passato, che per fisiologia della nostra attività già in parte impiegavamo.

2 – Rendere fruibili alcuni dei nostri tour virtuali direttamente sul web, senza la necessità di installare applicazioni, e sviluppare video VR 360° degli stessi per condividerli su YouTube. Questo ci ha consentito di realizzare visite guidate virtuali evitando assembramenti. Un esempio è il virtual tour interattivo del castello di Carlo V, che può essere visitato da casa attraverso un qualsiasi dispositivo desktop o mobile anche in modalità immersiva per i possessori di visori 3D.

Avete dovuto prendere decisioni difficili? E quali sono le lezioni apprese?

Carlo Picari: Data l’emergenza globale e il continuo aumento dei contagi, abbiamo capito da subito che i tempi per un ritorno alla normalità sarebbero stati alquanto lunghi e difficili. Con questa consapevolezza abbiamo cercato di rivedere il più velocemente possibile alcune attività, così da ridurre al minimo l’impatto sulla nostra azienda, ma senza arrivare a soluzioni drastiche, almeno fino ad oggi.

La lezione che abbiamo imparato è che bisogna avere un grande spirito di adattamento a qualsiasi tipo di condizione, che è necessario reagire e fare brainstorming, anche su una situazione tanto assurda e critica come una pandemia.

Come gestite lo stress e l’ansia in questo periodo di emergenza sanitaria e come proiettate, voi stessi e Kronos 4D nel futuro?

Carlo Picari: Gestiamo lo stress restando uniti, supportandoci e incoraggiandoci a vicenda. Siamo un “Team” e come tale perseguiamo un obiettivo comune: essere tra i protagonisti della rivoluzione digitale cercando di dare sempre il massimo.

Chi sono i vostri competitor e come pensate di superare la concorrenza?

Carlo Picari: Il digitale in Italia, anche se non ancora pienamente sviluppato, è comunque presente in diversi settori produttivi. Esistono alcuni competitor già affermati e ogni anno nascono nuove start-up e officine di creatività che cercano di farsi strada ognuna a modo suo. In questo ambiente è importante osservare tutti i competitors, perché c’è sempre da imparare qualcosa, ma ancora più importante è osservare il mondo, gli stili, le mode e la tecnologia.

Per arrivare in alto, bisogna intraprendere una sfida con sé stessi, alzare sempre la propria asticella. Il nostro obiettivo è sempre di mantenere un alto livello di competitività, cercando di esaminare il nostro operato con obiettività e senso critico, ponendoci sempre le domande che sono alla base dei nostri principi di lavoro: “Abbiamo realizzato un prodotto di alta qualità? Innovativo? Creativo al punto tale da coinvolgere emozionalmente il nostro cliente e gli utenti finali?”.

Le sue considerazioni finali su questa emergenza?

Carlo Picari: Surreale, fin quando non abbiamo imparato a conviverci. Direi che questa pandemia è stata per alcuni l’occasione di creare nuove possibilità imprenditoriali, per altri di riconvertire la propria azienda e i propri processi produttivi, senza voler parlare di chi in maniera deplorevole si è arricchito sulle disgrazie altrui.

Va fatta un’ultima importante considerazione. Data la situazione alquanto critica in cui versava il sistema Italia dal punto di vista economico prima della pandemia, per diverse aziende è stato il colpo decisivo che ha portato alla chiusura. Questo potrebbe riflettersi su tutto l’ecosistema dell’economia del Paese per molti anni, quindi incidere anche su attività ancora operanti.

Link utili:

Kronos 4D website: www.kronos4d.it

 

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month