Connect with us

Notizie

Coronavirus, un farmaco contro la malaria funziona

Pubblicato

-

coronavirus farmaco e1584575921194

Un antimalarico ampiamente utilizzato, può essere efficace nel trattamento di pazienti infetti da Covid-19. Questo sembra essere dimostrato da uno studio clinico condotto da uno dei centri per la lotta contro il virus a Marsiglia : Si tratta della clorochina. Molti pazienti infetti che hanno assunto il farmaco sono risultati negativi al tampone dopo sei giorni.

Un recente studio clinico a Marsiglia mostra che l’assunzione di clorochina potrebbe consentire alle persone infette dal coronavirus di non essere più infette dopo alcuni giorni di trattamento.

Il farmaco, appositamente prescritto per i malati di malaria, è stato testato per sei giorni su pazienti presso l’University Hospital Institute della città. Stiamo parlando di uno dei centri di riferimento per gli studi sul virus.

Il professor Didier Raoult, direttore dell’University Hospital Institute ha spiegato l’esperienza quando parlava con i suoi studenti in un video pubblicato su YouTube.

Ventiquattro pazienti risultati positivi per Covid-19 sono stati trattati con Plaquenil, uno dei nomi con cui è commercializzata la clorochina. Alla fine della terapia, solo il 25% di loro risultava ancora positivi. Contro il 90% dei soggetti appartenenti al gruppo che non hanno assunto il prodotto e che erano ancora contaminati.

Una cura meno cara

Lo scienziato è più soddisfatto dei risultati della sperimentazione sul coronavirus che “non averlo, cambia la prognosi” dei pazienti infetti. “La carica virale media con questo virus è normalmente di 20 giorni“, spiega nel video. “E tutte le persone che muoiono per Covid-19 hanno ancora il virus.

Altri elementi promettenti secondo Radio France: la clorochina è già regolarmente utilizzata per combattere la malaria ed è un farmaco economico. Ma secondo altri soggetti della comunità scientifica, come ricorda France 3 Provence Alpes Côte-d´Azur, la clorochina ha effetti collaterali e le interazioni con altri farmaci hanno conseguenze per i pazienti, specialmente quelli in terapia intensiva.

Continua a leggere
Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *