Connect with us

Agricoltura

Domenico Terenzio ci parla di Dom Terry Agrisolutions: L’innovazione agricola in Italia

Pubblicato

-

Domenico Terenzio Dom Terry Agrisolutions

Prima di tutto, come state, lei e la sua famiglia in questa fase dell’emergenza COVID-19?

Domenico Terenzio: Bene, anche se molto preoccupati.

Ci parli di lei, della sua carriera e di come nasce questa idea imprenditoriale.

Domenico Terenzio: Ho 57 anni, sono laureato in scienze agrarie e da 31 anni opero nel settore della ricerca di biotecnologie per l’agricoltura innovativa, di precisione, a basso impatto ambientale. In tanti anni di attività ho generato molti brevetti internazionali che ho poi ceduto a terzi per l’industrializzazione. in modo particolare ho lavorato molto sulle sostanze umiche estratte da fossili ad elevato grado di umificazione, capaci di migliorare le condizioni biochimiche del suolo, ridurre gli apporti nutrizionali alle colture (in primis nitrati e fosfati), ridurre gli apporti di rame nel suolo e nelle falde, eliminare l’impiego di alluminio sulle colture agrarie per la difesa da patogeni, eliminare l’impiego di erbicidi altamente impattanti l’ecosistema. Ho portato avanti ricerche e sperimentazioni, in diversi paesi del mondo, finalizzati alla razionalizzazione delle risorse idriche in agricoltura, mettendo a punto precisi protocolli colturali e brevettando dei particolari polimeri naturali capaci di catturare l’acqua durante la notte e trattenerla vicino la rizosfera (tecnologia denominata water supply biotech). Negli anni passati ho sempre realizzato progetti, brevetti per poi cederli ad aziende strutturate. L’ultimo mio brevetto relativo a fruttooligosaccaridi con un preciso grado di polimerizzazione, anche se ho ricevuto numerose proposte di acquisto, con i miei due figli, ho preferito portarlo avanti da solo, costituendo una startup innovativa nell’aprile del 2019. In meno di un anno abbiamo realizzato un importante catalogo prodotti e stiamo strutturando la nostra rete commerciale, in Italia e all’estero. Siamo capitati in un periodo non proprio felice.

Come innova Dom Terry Agrisolutions?

Domenico Terenzio: Apporta tecnologie uniche e brevettate, altamente ecosostenibili, per migliorare la qualità e la quantità delle produzioni agricole, inoltre, le nostre innovazioni possono essere applicate nel settore del verde pubblico e privato, sui tappeti erbosi, nel settore vivaistico, etc.

In che modo la pandemia da covid-19 ha colpito la vostra attività e come state affrontando questa crisi?

Domenico Terenzio: La pandemia da covid-19 ci ha presi proprio nel periodo di lancio sul mercato dei nostri prodotti creandoci non pochi problemi. Abbiamo dovuto escludere qualsiasi programmazione per l’estero. Purtroppo, la nostra tipologia di attività necessita di contatti diretti con le aziende agricole, soprattutto nella fase conoscitiva dei prodotti. Stiamo affrontando la crisi puntando su un’area ristretta di lavoro, cosa non proprio facile quando si hanno delle tecnologie brevettate a livello internazionale.

Avete dovuto prendere decisioni difficili ? E quali sono le lezioni apprese?

Domenico Terenzio:  Abbiamo dovuto limitare gli investimenti nella ricerca, nelle sperimentazioni e in altre attività necessarie per una società innovativa. Abbiamo appreso che non possiamo contare su l’aiuto dello stato, poiché è totalmente assente e non riesce a comprendere l’importanza della ricerca privata.

Come gestite lo stress e l’ansia in questo periodo di emergenza sanitaria e come proiettate, voi stessi e Dom Terry Agrisolutions nel futuro?

Domenico Terenzio:  Purtroppo, non possiamo fare altro che concentrarci sul nostro lavoro, stando il più sereno possibile. Ciò non è sempre possibile, poiché abbiamo dei costi fissati relativi alla proprietà intellettuale, alle prestazioni professionali di terzi, ai costi di affitto, utenze che non vengono influenzate dal covid-19.

Chi sono i vostri competitor e come pensate di superare la concorrenza?

Domenico Terenzio:  Di competitor ce ne sono molti a livello internazionale. La maggior parte di essi sono multinazionali super strutturate. Noi contiamo molto sulle nostre tecnologie brevettate e sul nostro know-how maturato in oltre trenta anni di attività.

Le sue considerazioni finali su questa emergenza?

Domenico Terenzio: C’è tantissima confusione. Si è creato un clima di terrore, incertezza e di paura nelle persone che sarà molto lunga la ripresa.

Link Utili:

www.domterryagrisolutions.com

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month