Connect with us

INNOVATORI VS COVID-19

Gabriele Bochicchio ci racconta l’innovazione di Homstate: Consulenza immobiliare digitale

Pubblicato

-

Gabriele-Bochicchio-Homstate

Come state, lei e la sua famiglia?

Gabriele Bochicchio: Sono una persona estremamente fortunata. Durante il 2020 nessuno della mia famiglia ha avuto problemi con il virus.

Ci parli di lei, della sua carriera e di come nasce questa idea imprenditoriale.

Gabriele Bochicchio: Ho iniziato a lavorare subito dopo le scuole superiori all’interno di una Banca che opera sul territorio nazionale, li ho trascorso quasi 10 anni della mia vita professionale. All’interno dell’istituto ho avuto la possibilità di conoscere e studiare in modo approfondito il mondo dei fondi immobiliari e del risparmio gestito.

A 22 anni, in parallelo all’attività bancaria, ho iniziato l’attività da investitore immobiliare, ho utilizzato i miei risparmi per investire nell’acquisto del mio primo appartamento, a 25 ne avevo acquistati tre. Mi resi presto conto di quanto la valorizzazione di questi immobili risultasse un processo poco efficiente e scalabile. Dal 2017 studio il metodo Lean Startup di Eric Ries e nel 2020 mi sono unito a Mamazen (primo venture builder italiano) come CEO di Homstate per reinventare il settore della consulenza immobiliare

Come innova Homstate?

Gabriele Bochicchio: Secondo noi il vero valore del digitale e delle grandi quantità di dati disponibili è proprio il potere di rendere accessibili a molte persone servizi che una volta erano accessibili a pochi ovvero “democraticizzare” e dare maggiori possibilità alle persone.

I grandi proprietari immobiliari o i grandi patrimoni immobiliari sono solitamente gestiti da consulenti o team di consulenti e analisti in grado di fare le migliori scelte per massimizzare gli investimenti e aumentare quindi nel tempo il valore degli asset e il patrimonio di coloro che detengono gli asset.

I piccoli proprietari (1 –> 5 immobili) sono invece in balia del mercato. Non hanno dati sufficienti per decidere, non hanno gli strumenti per interpretarli e quindi basano le proprie scelte sulla pancia o sul “miglior venditore”.

Secondo il team Homstate per fare vera innovazione non bisogna disintermediare o togliere lavoro, al contrario dobbiamo fare in modo che i nostri partner vengano educati, formati, digitalizzati e abbiano un alto livello di servizio per garantire ai proprietari il miglior servizio. Questo garantirà ai partner la possibilità di rimanere competitivi sul mercato e ai clienti un ottimo servizio. La vera innovazione è inclusiva e non rende più poveri. Il nostro obiettivo deve essere di arricchire i nostri proprietari, i nostri partner e la nostra azienda.

In che modo la pandemia da COVID-19 ha colpito Homstate e come state affrontando questa crisi?

Gabriele Bochicchio: Abbiamo lanciato il nostro servizio in abbonamento a Marzo 2020 in piena pandemia. Abbiamo avuto riscontri positivi dei nostri early adopter e, durante il secondo lockdown, abbiamo creato soluzioni di pagamento custom per ognuno di loro e ci ha permesso sin da subito di dimostrare la differenza del nostro modo di fare impresa.

Avete dovuto prendere decisioni difficili? E quali sono le lezioni apprese?

Gabriele Bochicchio: Ogni giorno prendiamo decisioni difficili per portare avanti velocemente il nostro business. La più grande lezione appresa è che dietro questi momenti complessi ci sono sempre delle opportunità all’orizzonte. Spetta all’imprenditore con mentalità visionaria e positiva coglierle.

Come gestite lo stress e l’ansia in questo periodo di emergenza sanitaria e come proiettate, voi stessi e Homstate nel futuro?

Gabriele Bochicchio: Abbiamo ribadito con forza la missione dell’azienda creando e condividendo la dichiarazione d’impatto. Non abbiamo mai smesso di lavorare in questi mesi, lo dimostrano il perfezionamento di alcune assunzioni ed il nostro aumento di capitale del 18/12/2020.

Chi sono i vostri competitor e come pensate di superare la concorrenza?

Gabriele Bochicchio: In generale ci sono dei player che operano nel nostro business, non si tratta di competitor diretti, ma bensì di realtà che coprono in modo differente i bisogni dei proprietari o stanno digitalizzando alcune parti a ridotto valore aggiunto della catena del valore. Il nostro posizionamento customer centric ci permette di rimanere imparziali nei confronti dei proprietari d’immobili focalizzandoci sulle loro necessità senza forzarli nelle scelte.

Link utili:

https://www.homstate.it/

Le sue considerazioni finali su questa emergenza?

Gabriele Bochicchio: Nonostante questa terribile situazione sanitaria ed economica, momenti storici simili, ci hanno insegnato che si possono sempre sviluppare degli anticorpi per poi ripartire più forti di prima.

 

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month