Connect with us

Consulenza

“Comunicare è importante quanto il fare”. Intervista a Giorgio Villa, CEO di Regolo Studio : La tecnologia 4.0 al servizio delle aziende italiane

Pubblicato

-

giorgio villa regolo studio

Prima di tutto, come state, lei e la sua famiglia in questa fase 3 dell’emergenza COVID-19?

Giorgio Villa : Stiamo bene e siamo pronti ad affrontare le sfide del prossimo futuro! Questi ultimi mesi sono stati un periodo di riflessione che ci ha permesso di tracciare il percorso da intraprendere nei prossimi anni. Delle volte serve fermarsi… anche per poter rielaborare le scelte del passato e ripensare i processi aziendali.

Ci parli di lei, della sua carriera e di come nasce Regolo Studio?

Giorgio Villa : Io vengo dal mondo contract alberghiero e navale, dove ho iniziato a lavorare a 19 anni.

All’età di 27 anni sono diventato capo ufficio tecnico specializzato nel controllo della produzione. In questo settore, durante il corso degli anni, ho elaborato la contaminazione delle tecnologie che poi ho applicato nel mio percorso imprenditoriale nel BtoB con mia moglie Silvia.

Come innova Regolo Studio?

Giorgio Villa : Regolo Studio fornisce supporto nei processi di innovazione aziendali. I nostri core business sono il reverse engineering, il rapid prototyping, la realtà virtuale e software di modellazione 3D. Per spiegarmi meglio le racconto uno degli ultimi lavori che stiamo seguendo nel settore della meccanica.

Stiamo lavorando con BFE Bonney Forge per rigenerare lo storico di 1200 stampi per la produzione di valvole. A supporto stiamo fornendo formazione su Rhinoceros (modellazione 3D) e SprutCAM (programma per macchina a controllo numerico). Grazie al nostro lavoro BFE ha avviato un processo di internalizzazione di fasi della produzione che in passato affidava a terzi. Per i dettagli può consultare il nostro articolo dedicato.

In che modo la pandemia da COVID-19 ha colpito la vostra attività e come state affrontando questa crisi?

Giorgio Villa : La nostra azienda serve diversi settori, la pandemia ha cambiato le regole del gioco. Basti pensare al mondo del navale e crocieristico, i cambiamenti del settore nei prossimi anni saranno difficilmente prevedibili.

La pandemia ha cambiato molte delle regole del BtoB. Le fiere, che erano gli appuntamenti cruciali per incontrare i propri potenziali clienti, non forniscono più le stesse garanzie.

Stiamo affrontando questa crisi con investimenti nel marketing digitale, definendo delle nuove linea guida per la produzione di contenuti… ci aspetta un percorso completamente nuovo a livello comunicativo.

Avete dovuto prendere decisioni difficili ? E quali sono le lezioni apprese?

Giorgio Villa : Per chi fa impresa le decisioni difficili sono il pane quotidiano. Durante il lockdown abbiamo imparato che comunicare è importante quanto il fare… una lezione che terrò bene a mente nei prossimi anni. Oggi incontrare fisicamente i clienti è diventato più difficile, il BtoB cambierà molte delle regole che fino a ieri erano date per scontate.

Come gestite lo stress e l’ansia in questa fase 3 dell’emergenza e come vi proiettate, voi stessi e la vostra azienda nel futuro?

Giorgio Villa : Io sono una persona che ha bisogno di fare e di mettermi in gioco, questo è il mio modo per combattere lo stress e l’ansia. Il mondo continuerà a produrre, di questo ne sono sicuro. Dobbiamo solo trovare un nuova via per metterci in contatto con i nostri potenziali clienti.

Chi sono i vostri competitor e come pensate di superare la concorrenza?

Giorgio Villa : I nostri competitor hanno deciso di verticalizzarsi su un singolo core business, noi abbiamo preferito avere un taglio orizzontale per continuare a crescere. Questo ci permette di mantenere una costante integrazione di tecnologie eterogenee. La grande sfida è riuscire a rimanere al passo delle esigenze dei clienti.

Le sue considerazioni finali su questa emergenza?

Giorgio Villa : Il marketing nel settore BtoB cambierà in maniera radicale, ci stiamo mettendo nelle condizioni di poter cavalcare quest’onda al meglio. Per far questo serve una visione di lungo periodo, come diceva Sun Tzu: “Una strategia senza tattiche è il cammino più lento verso la vittoria. Le tattiche senza una strategia sono il clamore prima della sconfitta.”

Il vostro sito Web ?

Giorgio Villa : regolostudio.com

 

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month