Connect with us

Risorse

Il benessere organizzativo: ecco come migliorare la propria attività

logo startup info

Pubblicato

-

f

Il benessere aziendale è un aspetto fondamentale sia per le piccole che le grandi imprese. Infatti, un sistema di welfare adeguato, permette di aumentare la produttività dei dipendenti, poiché massimizza il loro impegno e li stimola a produrre di più, riducendo lo stress sul luogo di lavoro. Con il passare degli anni, infatti, è maturata una diversa consapevolezza in merito all’importanza del benessere dei dipendenti all’interno delle aziende. In poche parole, è ampiamente dimostrato che, specie nei primi anni di vita delle start up, è fondamentale creare un ambiente sano e stimolante. Solo in questo modo, infatti, è possibile sperare di raggiungere traguardi importanti.

Che cosa è il benessere organizzativo

Con il termine “benessere organizzativo” si intende l’idoneità dell’organizzazione a mantenere il benessere psicofisico e sociale di tutte le persone mentre svolgono la propria attività. Questo significa che l’organizzazione, ovvero il complesso di beni (sia materiali che immateriali), servizi e tutto ciò che è necessario per svolgere un’attività economica, viene funzionalizzata al benessere dei dipendenti. Di conseguenza, con il benessere organizzativo aziendale si tende a proteggere, sviluppare nonché a migliorare la qualità dell’ambiente lavorativo in modo da permettere ai dipendenti di stare bene, sia fisicamente che mentalmente, mentre lavorano. Tutto questo, inevitabilmente, non può che essere un aspetto positivo per l’andamento dell’attività economica.

Per garantire tutto questo, l’organizzazione deve agire su diversi fattori ed è importante cambiare punto di vista sulla considerazione dei propri collaboratori e dipendenti. Questi ultimi, infatti, non sono più considerati alla stregua di mere risorse, o energie lavorative, bensì come elementi essenziali dell’azienda. In poche parole, per garantire il benessere organizzativo, è fondamentale considerare i dipendenti come una risorsa di cui prendersi cura con attenzione. Un concetto correlato al benessere organizzativo è il welfare aziendale, che indica un complesso di politiche attuate dall’azienda al fine di migliorare la vita non solo lavorativa dei dipendenti, ma anche quella privata, attuando dei bonus, come ad esempio i benefit aziendali. Infatti, è ampiamente dimostrato che avere dei dipendenti non stressati e super coinvolti nelle proprie attività, fa sì che siano maggiormente disposti a partecipare all’evoluzione dell’attività aziendale.

I vantaggi del benessere organizzativo

Come già detto, garantire il benessere organizzativo dei dipendenti comporta diversi vantaggi per aumentare la produttività e rendere l’impresa più competitiva sul mercato, aspetto fondamentale per la crescita di una start-up. Infatti, un dipendente che si sente parte dell’azienda, è più incline a condividerne la mission e sentir propri gli obiettivi da perseguire. Agire sulla motivazione e sul coinvolgimento personale, ovviamente, permette di avere dipendenti maggiormente soddisfatti e quindi più produttivi. Inoltre, riconoscere dei vantaggi ai dipendenti più meritevoli permette di accrescere la fiducia che le persone hanno sia nelle proprie capacità che nel proprio leader.

Realizzare un piano di welfare aziendale

Disporre un piano di welfare aziendale è importante, ma se non si prestano attenzione ad alcuni dettagli si rischia di fare più che un investimento strategico, un buco nell’acqua. La prima cosa da fare, pertanto, è analizzare le necessità dell’azienda e dei dipendenti. Infatti, l’azienda deve fare i conti con il budget, ma è necessario anche pensare a quali sono le effettive necessità dei dipendenti, così da motivarli. In poche parole, si tratta di progettare interventi mirati sulla struttura interna, sulla cultura dell’azienda nonché sui processi operativi, valutando i possibili benefit non solo per l’azienda ma per gli stessi collaboratori.  Infatti, il secondo passaggio fondamentale è quello di individuare la platea di beneficiari, cioè tutti i dipendenti di un determinato settore, assegnare un premio produttività, ecc.

La selezione del personale contribuisce al benessere dell’organizzazione

Non tutti sanno che un aspetto di fondamentale importanza nell’avvio dei processi che favoriscono il benessere di un’azienda è la scelta maculata dei propri collaboratori e dipendenti, sin falle primissime fasi. Poter analizzare le svariate persone che cercano di entrare a contatto con l’azienda, vagliare le varie competenze contenute negli svariati curriculum da analizzare, senza dover scrivere costantemente annunci di lavoro, aiuta a non cadere in errori di valutazione che spesso incidono proprio sul benessere organizzativo. È risaputo, infatti, che scegliere il personale giusto è fondamentale per migliorare (o magari per mantenere) l’elevata qualità degli ambienti di lavoro. Di conseguenza, è consigliabile adottare strumenti di selezione del personale che siano super efficienti, in modo da non lasciarsi sfuggire possibili talenti.

 

We are a team of writers passionate about innovation and entrepreneur lifestyle. We are devoted to providing you the best insight into innovation trends and startups.

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Newsletter

Top of the month