Connect with us

App mobile

Luca La Ferla ci parla di Famil.care : Sistema salvavita nato per aiutare le famiglie

Pubblicato

-

Luca-La-Ferla-famil.care

Come state, lei e la sua famiglia?

Luca La Ferla: Bene, La ringrazio.

Ci parli di lei, della sua carriera e di come nasce questa idea imprenditoriale.

Luca La Ferla: Ho sempre avuto un forte interesse, forse tra i primi in Italia, rispetto alle reti neurali, internet e cloud computing. Ho fondato diverse start-up dove ho applicato queste ed altre tecnologie nei vari settori produttivi e di servizio come abilitatori d’innovazione, efficienza ed efficacia. Tra queste, ALL Financial Futures, ICE (Internet Centre of Excellence) e Digitaltrust.

Easy Life S.r.l è una start-up nata nel 2015 dall’idea mia e del Dott. Luca Concone, co-fondatore dell’azienda, di sviluppare una soluzione tecnologica in grado di migliorare concretamente la qualità di vita delle famiglie, in particolare, supportando tutti coloro che si prendono cura di familiari anziani o non più autosufficienti. A tale scopo è stata creato il sistema salvavita famil.care, per aiutare le famiglie a prendersi cura dei propri familiari anziani nella quotidianità e nell’emergenza, anche a distanza.

Cura e tecnologia: sono queste le parole chiave che definiscono la nostra identità. Per noi, questo significa investire nello sviluppo di servizi, soluzioni e prodotti che sappiano portare un vantaggio concreto alle famiglie, migliorando la loro vita di tutti i giorni attraverso un uso corretto e responsabile della tecnologia.

Pensiamo che nell’era della mobilità globale, in cui le distanze si dilatano e il modo di essere famiglia cambia, la tecnologia possa essere uno strumento prezioso che ci aiuta ad affrontare più serenamente le sfide quotidiane. Famil.care nasce proprio dalla volontà di offrire a tutti i Caregiver del mondo la possibilità di prendersi cura dei propri cari al meglio. Per questo ci siamo impegnati nella realizzazione del sistema salvavita famil.care: un prodotto di qualità ma alla portata di tutti.

Come innova Famil.care?

Luca La Ferla: La nostra azienda innova investendo quotidianamente risorse nella ricerca e sviluppo. Lavoriamo ogni giorno per migliorare il nostro prodotto in base alle esigenze del mercato. Il nostro lavoro parte dall’ascolto continuo delle necessità dei clienti attuali e potenziali. Proprio dall’attività di ascolto del mercato sono nate le recenti funzioni di famil.care: 112 e VivaVideo.

Ci siamo chiesti come poter rispondere alla maggior richiesta di sicurezza da parte dei Caregiver. Da questa domanda è nata la collaborazione tra famil.care e il Numero Unico di Emergenza Europeo del 112. Grazie a questa collaborazione famil.care è ora in grado di inoltrare le richieste di aiuto al servizio di soccorso del 112. L’assistito viene così soccorso rapidamente anche quando nessun parente può aiutarlo. In questo modo il Caregiver è più tranquillo sapendo che se non dovesse rispondere lui a telefono c’è il servizio integrato del 112 a farsi carico dell’emergenza.

Similmente è nata la funzione VivaVideo di famil.care. In particolare VivaVideo nasce dalla necessità di non far sentire mai sole le persone anziane. Tema molto sentito in questo momento, in cui la pandemia ci ha visto e, purtroppo, ci vede ancora adesso costretti a stare lontani dai nostri affetti, soprattutto dai familiari anziani in quanto soggetti più a rischio. VivaVideo permette alle persone anziane, che non hanno dimestichezza con l’uso degli smartphone, di effettuare le Videochiamate. O meglio, di riceverle. Infatti, per Videochiamare non vi è bisogno che l’anziano compia nessuna azione sullo smartphone. Sarà il familiare, chiamando dall’app famil.care, ad attivare automaticamente sul cellulare dell’anziano la risposta in modalità Videochiamata.
In questo modo famil.care ha voluto aiutare le famiglie a sentirsi più vicine.

Inoltre, per concludere la risposta alla vostra domanda, per noi innovare significa anche essere sempre disponibili alle richieste dei clienti. Difatti, lavoriamo costantemente a fianco di aziende che operano nel settore dell’assistenza e della salute e cerchiamo di soddisfare le loro esigenze nel migliore dei modi, personalizzando il nostro servizio.

In che modo la pandemia da COVID-19 ha colpito Famil.care e come state affrontando questa crisi?

Luca La Ferla: La pandemia ha impattato negativamente e positivamente sulla nostra attività. Negativamente perché alcuni dei nostri progetti hanno subito dei rallentamenti. Positivamente perché la pandemia ha accelerato il processo di digitalizzazione in Italia, spingendo le persone ad acquistare online e diventare più familiari con le tecnologie.

Grazie alla sua struttura dinamica, la nostra azienda ha saputo reagire velocemente ai cambiamenti imposti da questo periodo di pandemia continuando a lavorare ed investire in nuovi progetti.

Avete dovuto prendere decisioni difficili? E quali sono le lezioni apprese?

Luca La Ferla: La pandemia e le restrizioni che ne sono conseguite, soprattutto nelle fasi iniziali, ci hanno portato a una decisione non facile da prendere. Abbandonare momentaneamente, la sede dei nostri uffici. In quel momento era un costo fisso ingente e sacrificabile per la nostra azienda dal momento che il Team lavorava già da mesi in smartworking. Questa condizione ha confermato positivamente la capacità di adattamento della nostra azienda ad un contesto in continua evoluzione.

Come gestite lo stress e l’ansia in questo periodo di emergenza sanitaria e come proiettate, voi stessi e Famil.care nel futuro?

Luca La Ferla: Il 2020 è stato un anno senza precedenti, pieno di incertezze e paure. Tuttavia, all’interno del nostro Team, piccolo ed eterogeneo, il sostegno e l’aiuto tra le persone non sono mai mancati. Sicuramente il mio augurio per il 2021 è quello di uscire da questa situazione di pandemia più forti di prima. Nel futuro immagino Easy Life come un’azienda che ha raggiunto i suoi obiettivi di crescita e ne sta perseguendo di nuovi.

Chi sono i vostri competitor e come pensate di superare la concorrenza?

Luca La Ferla: Easy Life opera nel mercato Insurtech della protezione a distanza nei confronti di soggetti bisognosi. Il nostro mercato di riferimento è presidiato da numerosi competitors. Alcuni di questi, rispetto a famil.care, beneficiano della notorietà del loro marchio perché presenti sul mercato da più anni. Tuttavia la concorrenza non ci spaventa più di tanto perché riteniamo che le possibilità di espansione in tale mercato siano molteplici. Il nostro valore aggiunto risiede nella perseveranza della ricerca e sviluppo di nuove e migliori soluzioni in grado di risolvere le esigenze di sicurezza delle persone.

Il vostro sito Web?

https://famil.care/

Le sue considerazioni finali su questa emergenza?

Luca La Ferla: Questa situazione di pandemia causata dal Covid-19 ha messo in luce da una parte la grande capacità imprenditoriale delle piccole e media aziende italiane e dall’altra la mancanza di strutture e istituzioni idonee a supportarle. La pandemia ci ha fatto riflettere su quanto sia necessario e inderogabile avviare un processo di digitalizzazione nel nostro Paese. Ci auguriamo pertanto che a fine di questa pandemia non vengano dimenticate quali sono le necessità del Paese emerse in questo terribile anno.

 

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month