Connect with us

INNOVATORI VS COVID-19

Luca Pignatti, CEO e Arsene Hema, CTO ci parlano di Accodati : la nuova piattaforma per gestire le prenotazioni

luca arsene accodati e1592595637673

Prima di tutto, come state, lei e la sua famiglia in questo periodo di emergenza COVID-19?

“Tutto bene grazie mille, fortunatamente lavorando in remoto da tempi ben precedenti al COVID-19 abbiamo speso gli ultimi mesi lontani dalle aree più calde”.

Ci parli di lei, della sua carriera e di come nasce questa idea imprenditoriale? 

“Mi chiamo Luca Pignatti e sono un ingegnere con oltre dieci anni di esperienza in Italia, Danimarca, UK e Spagna in ambito tecnologico e di project management. L’idea nasce all’interno di Feedel Ventures, un cosiddetto ‘venture builder’, vale a dire una vera e propria fabbrica di nuove startup. Feedel è nata da un’idea mia e di due altri ex compagni di Università, e nasce con l’ambizione di far crescere non solo startup disruptive ma anche imprenditori di qualità. A differenza degli incubatori, noi agiamo ben prima nella filiera associando le idee più promettenti ai giovani più imprenditoriali e brillanti e assemblandoli in team di lavoro che diventano in breve tempo vere e proprie aziende sotto la nostra guida”.

Come innova la vostra azienda?

Feedel Ventures (www.feedel.ventures) è una start-up basata in Puglia che nasce con l’idea di creare e far crescere solo idee ad alto valore di innovazione, quindi sebbene la parola “innovativo” sia ampiamente inflazionata e associata spesso ad attività o aziende che non hanno nulla a che fare con essa, noi ci riteniamo molto innovativi. A cominciare dal modello di lavoro: lavoriamo infatti al 100% in remoto ed esclusivamente sul raggiungimento di obiettivi, un modo di lavorare che in Italia fa ancora fatica a prendere piede. Infine innoviamo anche nell’ambito delle politiche di integrazione: abbiamo un team internazionale con staff diffuso in 4 continenti: ad esempio il nostro CTO Arsene Hema è un ragazzo del Burkina Faso che ha studiato in Italia e che, grazie al nostro progetto, ha messo in piedi un vero e proprio laboratorio di innovazione basato in Africa e con il quale siamo felici di collaborare anche per futuri progetti”.

In che modo la pandemia da COVID-19 colpisce la vostra attività e come state affrontando questa crisi?

“Abbiamo trasformato la crisi in opportunità: grazie alla quarantena il tempo ‘libero’ in casa è aumentato e il nostro team ha lavorato sodo per sviluppare diversi progetti. In particolare abbiamo creato www.Accodati.it : una soluzione fresca e intuitiva per i piccoli esercenti. Si tratta di una piattaforma per gestire le prenotazioni: da un lato supporta i titolari dei negozi in modo da evitargli assembramenti e difficoltà organizzative e di gestione dei flussi di clienti, dall’altro lato facilita la vita ai clienti aiutandoli a minimizzare i rischi COVID-19. La soluzione è dedicata a tutti gli imprenditori (ristoratori, baristi, barbieri/parrucchieri, estetisti, titolari di lidi o piscine, macellai, pescherie) che fino a oggi hanno gestito le agende dei propri negozi a mano o per telefono, ma che con Accodati possono ottenere un aiuto decisivo per gestire questi mesi”.

Avete dovuto fare delle scelte difficili in questa situazione di emergenza ? E quali sono le lezioni apprese?

“Ovviamente si. Per venire incontro anche al momento economico difficile di tanti piccoli imprenditori italiani, abbiamo deciso di offrire Accodati.it gratuitamente per i primi 30 giorni, al termine dei quali si può decidere senza lacci o complicazioni semplicemente di cessare l’iscrizione”.


Come gestite lo stress e l’ansia in questo periodo e come vi proiettate, voi stessi e la vostra azienda nel futuro?

“Come detto Feedel, e Accodati, nascono da visioni di lungo periodo, per cui le ansie a breve termine ci risultano maggiormente gestibili”.

Chi sono i vostri competitor e come pensate di superare la concorrenza?

“Ci sono vari siti, a pagamento, che offrono soluzioni simili. I nostri punti di forza: siamo gratis (per un mese, poi costiamo solo 50€ l’anno) e la nostra piattaforma è molto semplice e intuitiva”.

Le sue considerazioni finali su questa emergenza?

“Da quello che si capisce, nella primavera del 2021 il mondo dovrebbe poter tornare alla normalità, non manca poi tanto. Teniamo duro!”

 

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Informazione pubblicitaria

Top of the month