Connect with us

Notizie

Startup innovative in Italia: la Lombardia si conferma capitale dell’innovazione

Published

on

Secondo i dati contenuti nel Report prodotto dalla collaborazione tra Mise (DG per la Politica Industriale) e InfoCamere, con il supporto di Unioncamere, cresce il numero delle startup innovative. Al termine del 4° trimestre 2019 il numero di startup innovative iscritte alla sezione speciale del registro delle imprese è pari a 10.880.

Chi può ottenere lo status di startup innovativa?

Tutte le società di capitali (anche in forma cooperativa) ovvero:

  • S.P.A. (società per azioni);
  • S.a.p.a.  (società in accomandita per azioni);
  • S.R.L. (società a responsabilità limitata);
  • S.R.L.S. (società a responsabilità limitata semplificata)

Inoltre, la società deve:

  • avere sede dei propri affari e interessi in Italia o in uno degli stati membri dell’Unione Europea o in Stati aderenti all’Accordo sullo spazio economico europeo, purché abbiano una sede produttiva o una filiale in Italia;
  • non aver distribuito utili (nel caso di nuova costituzione non può distribuirne per 4 anni);
  • a partire dal secondo anno, non avere un valore della produzione annua superiore a 5 milioni di euro;
  • non esser costituita a partire da un’operazione straordinaria di scissione o fusione, né derivare da una cessione di azienda o ramo di azienda;
  • avere oggetto sociale esclusivo o prevalente lo sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico

Grazie a questa misura, operativa a partire dal luglio del 2016, gli imprenditori innovativi italiani possono costituire la propria startup secondo una modalità interamente digitalizzata, con il supporto tecnico della propria Camera di Commercio (CCIAA) o in totale autonomia.

Capitale sociale e settori di attività: numeri in continua crescita

Il capitale sociale sottoscritto complessivamente dalle startup risulta in crescita rispetto al terzo trimestre, +37,6 milioni di euro e +6,89% in termini percentuali; il capitale medio è pari a 53.594 euro a impresa, in decisa ripresa (+4,2%) rispetto al dato del trimestre precedente. Per quanto concerne la distribuzione per settori di attività il 73,7% delle startup innovative fornisce servizi alle imprese; in particolare, prevalgono le seguenti specializzazioni:

  • produzione di software e consulenza informatica (35,6%);
  • attività di R&S (13,9%);
  • attività dei servizi d’informazione (9,2%)
  • settore manifatturiero (17,6%), fabbricazione di macchinari (3,1%), fabbricazione di computer e prodotti elettronici e ottici (2,8%);
  • commercio (3,4%)

Startup innovative a prevalenza femminile, giovanile e straniera

Le quote di possesso e le cariche amministrative detenute in maggioranza da donne sono 1.468. Le startup innovative in cui almeno una donna è presente nella compagine sociale sono 4.704, il 43,2% del totale. Le startup innovative a prevalenza giovanile (under 35) sono 2.153; mentre quelle aventi una compagine sociale a prevalenza straniera sono 380.

La Lombardia si conferma capitale delle startup innovative

La regione Lombardia risulta il territorio italiano in cui è localizzato il maggior numero di startup innovative: 2.928 (pari al 26,9% del totale nazionale). Seguono il Lazio, unica altra regione a superare quota mille (1.227; 11,3%) e l’Emilia-Romagna (931, 8,6% del totale nazionale). Al quarto posto la Campania, di gran lunga la prima regione del Mezzogiorno, con 896 startup (8,2%), seguita dal Veneto, con 889 (8,2%). In coda figurano la Basilicata con 104, il Molise con 80, e la Valle d’Aosta con 22 startup innovative. Il Trentino-Alto Adige è la regione con la più elevata incidenza di startup innovative in rapporto al totale delle nuove società di capitali con meno di cinque anni e meno di cinque milioni di fatturato: il 5,3% è una startup innovativa. Seguono la Valle d’Aosta (5,1%) e il Friuli-Venezia Giulia (poco meno del 5%). Chiudono la classifica la Puglia e la Toscana (entrambe con poco più dell’1,8%) e la Sardegna con l’1,6%.

Milano è di gran lunga la provincia in cui è localizzato il numero più elevato di startup innovative: alla fine del quarto trimestre 2019 esse erano 2.075, il 19,1% del totale nazionale. Al secondo posto compare Roma, unica altra provincia oltre quota 1.000 (1.110 startup, 10,2% nazionale). Tutte le altre province maggiori sono molto staccate: nella Top 5 figurano: Napoli (423, 3,9%), Torino (376, 3,5%) e Bologna (314, 2,9%). La Top 10 è completata da Padova, Bergamo, Bari, Salerno e Verona. Il record negativo spetta a Imperia, dove sono localizzate solo 3 startup innovative.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizie

🔴 Coronavirus, Italia : gli ultimi aggiornamenti

Published

on

Ecco gli ultimi aggiornamenti sulla diffusione del COVID-19, la malattia simile alla Sars che si è diffusa dal mercato di Wuhan in Cina. Come ogni giorno, il bollettino della Protezione Civile del 09 Aprile  comunica l’aggiornamento sul numero di contagi, morti e guariti in Italia dal nuovo coronavirus.

 

In diretta il bollettino della Protezione Civile del 09 Aprile 

 

Prevenzione e sintomi

È possibile ridurre il rischio di infezione da Coronavirus solo proteggendo sé stessi e gli altri. Per farlo è doveroso seguire alcuni accorgimenti come lavarsi spesso le mani, mantenersi ad una distanza di sicurezza gli uni dagli altri di un metro ed evitare di uscire di casa e se non per motivi lavorativi, di salute o di necessità. Chi inoltre presenta una qualsiasi infezione respiratoria deve coprire naso e bocca quando tossisce e/o starnutisce nel gomito interno o nel fazzoletto usa e getta.

Il coronavirus può causare sintomi lievi come raffreddore, mal di gola, tosse e febbre, oppure sintomi più severi quali polmonite e difficoltà respiratorie. Coloro che riscontrano sintomi influenzali o problemi respiratori non devono andare in pronto soccorso, ma devono chiamare il numero unico per la Lombardia 800 89 45 45 che valuterà ogni singola situazione e spiegherà che cosa fare. Per informazioni generali chiamare 1500, il numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute.

Trattamento oggi

Al momento purtroppo non esistono trattamenti specifici per le infezioni causate dal coronavirus e non sono disponibili vaccini per proteggersi dal virus. In molti casi il virus svanisce spontaneamente mentre nei casi più gravi il paziente viene sottoposto ad una terapia di supporto in modo da favorire la guarigione, ad esempio fornendo supporto respiratorio.

Continue Reading

Notizie

Covid-19: intelligenza artificiale e big data per combattere la pandemia

Published

on

coronavirus intelligenza artificiale big-data

La pandemia globale da Covid-19 può essere arginata mediante l’utilizzo di innovative tecnologie basate sull’intelligenza artificiale. Sistemi di diagnosi basati sull’AI, robot impiegati per attività di disinfezione o consegna di cibo e medicine, algoritmi per rilevare nuovi focolai, sono solo alcuni degli strumenti utilizzati dalla Cina per contenere il Coronavirus. Ecco qualche esempio da cui l’Europa potrebbe prendere spunto.

Sistemi AI e BigData contro il Covid-19

Uno dei problemi più grandi per la diagnosi del virus è che attualmente vengono verificati solo le persone sintomatiche o coloro che sono stati a stretto contatto con un contagiato. Secondo recenti analisi, sarebbe invece di grande aiuto verificare la positività su tutta la popolazione. Gli asintomatici infatti sono la maggiore causa di diffusione (inconsapevole) del virus.

Proprio per limitare questo problema, si è pensato di rilevare la positività al contagio attraverso esami di routine o specialistici a cui ogni giorno si sottopongono normalmente migliaia di pazienti, come TAC, ecografie o semplici esami del sangue.

Questa strategia è già stata adottata in Cina grazie a Infervision in ben 45 ospedali cinesi. Infervision è un sistema di intelligenza artificiale che analizza gli esami basati su imaging come TAC ed Eco. Anche il famoso colosso cinese dell’e-commerce Alibaba ha realizzato un sistema di diagnosi basato sull’intelligenza artificiale applicata all’imaging che, secondo i primi studi, ha un livello di accuratezza di ben il 96% nella diagnosi del virus e in pochissimi secondi.

Robot all’interno degli ospedali

Purtroppo, il personale sanitario e soprattutto gli infermieri sono soggetti ad un altissimo tasso di contagio, nonostante le protezioni e le precauzioni che adottano. Un’ottima soluzione si rivelano i robot, già impiegati in Cina. Questi innovativi strumenti possono essere impiegati per eseguire o completare molte attività come la pulizia, la sterilizzazione o la consegna di cibo e medicine per ridurre le interazioni tra il personale sanitario e le persone infette. Ci sono anche Robot UVD di Blue Ocean Robotics che utilizzano la luce ultravioletta per debellare molto efficacemente i batteri e i virus. Questi robot non sono una novità per la Cina: normalmente essi vengono infatti utilizzati nel settore della ristorazione. Con l’avvento della pandemia, i robot sono stati distribuiti in oltre 40 ospedali in tutto il Paese.

Continue Reading

Notizie

Approvato il Decreto Scuola : Ecco cosa prevede

Published

on

Fonte foto : Facebook Lucia Azzolina

Nella serata del 6 aprile, è stato comunicato dal ministro dell’istruzione Lucia Azzolina il contenuto del decreto sulla scuola approvato dal Consiglio dei ministri. Il decreto approvato contiene le norme relative agli Esami di Stato e alla valutazione degli studenti per l’anno scolastico 2019-2020.

“La scuola ha affrontato questa emergenza con grande capacità di reazione, il Paese deve esserne fiero. Ringrazio di nuovo tutto il personale, le famiglie, gli studenti. C’è stato uno sforzo importante da parte di tutti. La didattica a distanza ci ha aiutato a salvare l’anno scolastico. Non sostituisce e non potrà mai sostituire del tutto, ovviamente, la didattica in presenza. Ma era l’unica risposta possibile per non lasciare soli bambini e ragazzi e garantire loro il diritto allo studio previsto dalla Costituzione”, sottolinea la Ministra Lucia Azzolina. 



“I problemi non sono mancati e sarà necessario aprire presto una riflessione sullo stato di digitalizzazione del Paese e della scuola stessa, ma il Ministero è stato e resta al fianco delle scuole per risolverli. Gli 85 milioni stanziati per supportare la didattica a distanza, messi subito a disposizione degli istituti che li stanno già utilizzando, ne sono una dimostrazione. Con il decreto approvato oggi facciamo un altro passo avanti e tracciamo la strada per accompagnare la scuola fino in fondo a questo anno scolastico e per cominciare a disegnare il prossimo, che ne rappresenterà una naturale prosecuzione”, prosegue la Ministra.

Tutti promossi !

Gli studenti, anche quelli con insufficienze nel primo quadrimestre possono essere ammessi all’anno successivo, ma tutti saranno valutati, nel corso degli scrutini finali in base al rendimento e all’impegno profuso anche con la didattica a distanza. Non ci sarà nessun 6 politico.

In autunno, sarà possibile per tutti i cicli di istruzione di recuperare e integrare gli apprendimenti: ciò che non è stato appreso, o appreso in parte quest’anno potrà essere recuperato all’inizio del prossimo anno.

L’esame di Maturità :

Il decreto prevede due scenari. Se i ragazzi potranno rientrare a scuola entro il 18 maggio, ci sarà un esame con commissione interna. La prima prova, Italiano, sarà preparata dal Ministero. La seconda, quella diversa per ciascun indirizzo, sarà predisposta dalle commissioni. Poi ci sarà una prova orale.

Nel caso contrario, è previsto il solo colloquio orale. Resta ferma la necessità di raggiungere almeno il punteggio di 60/100 per ottenere il diploma.

Non ci saranno in ogni caso, infatti, commissari esterni ad eccezione del Presidente, né tracce predisposte dal Ministero per essere certi di sottoporre gli studenti a una prova aderente al programma scolastico effettivamente svolto nel corso dell’anno. Lo stesso vale anche per le prove orali che si dovrebbero tenere a partire dalla fine di giugno, sempre tenendo conto del programma effettivamente svolto. Se le scuole non dovessero riaprire entro il 18 maggio, non ci sarà alcun esame scritto e si terrà solo un colloquio in via telematica.

L’esame di terza media

Anche l’esame di terza media dovrebbe essere legato alla data del 18 maggio. Se sarà possibile farlo in presenza, potrà essere semplificato. Se le scuole dovessero restare chiuse, l’esame verrebbe sostituito da una valutazione legata al rendimento dello studente e di un elaborato da parte sua. Ci sarà una valutazione seria e corrispondente all’impegno degli alunni.

Inoltre, il Cdm ha dato il via libera all’assunzione di 4.500 insegnanti, che il prossimo anno scolastico entreranno a far parte dell’organico per sostituire chi è andato in pensione grazie alla cosiddetta Quota 100

Continue Reading

Newsletter

Advertisement
Notizie9 ore ago

🔴 Coronavirus, Italia : gli ultimi aggiornamenti

Notizie5 giorni ago

Coronavirus, Bosch sviluppa un test facile e rapido

coronavirus intelligenza artificiale big-data
Notizie1 giorno ago

Covid-19: intelligenza artificiale e big data per combattere la pandemia

Notizie3 giorni ago

Coronavirus : la giornalista Selene Vicenzi racconta come si vive la quarantena in giro per il mondo [Video]

coronavirus decreto comuni
Magazine2 settimane ago

Covid-19, Conte: “Subito 4,3 miliardi ai Comuni e 400 milioni per bisognosi”

Notizie2 settimane ago

Coronavirus e Start up: 770 candidature sul sito del Ministero dell’Innovazione

Notizie2 mesi ago

10 startup italiane da tenere d’occhio nel 2020

Notizie2 settimane ago

Coronavirus, proroga della chiusura delle scuole : “Forse le scuole non riapriranno più”

coronavirus italia nuovo dpcm
Notizie1 settimana ago

Coronavirus: Conte firma il nuovo dpcm, misure prorogate al 13 aprile

aumentare visibilità sito web con strategia seo efficace
Risorse4 giorni ago

10 trucchi per migliorare il posizionamento SEO

Notizie2 settimane ago

Coronavirus, start up individua chi non rispetta i limiti del decreto

Piattaforma online1 settimana ago

Coronavirus: nasce “Riparto da casa” a sostegno delle imprese italiane

Notizie2 settimane ago

Covid-19: Vaccino “efficace” testato sull’uomo in Cina

Fedez da rapper ad imprenditore. Photo di Fedez con occhiali da sole
Lifestyle3 mesi ago

Da rapper ad imprenditore: Fedez e il mondo delle startup

Risorse2 mesi ago

Cosa si intende per micro impresa? Definizione e condizioni

tourismo-coronavirus
Notizie2 settimane ago

Turismo: superare il coronavirus in otto mosse

Risorse3 settimane ago

10 trucchi per trovare un nome efficace alla tua start up

Notizie2 giorni ago

Approvato il Decreto Scuola : Ecco cosa prevede

Notizie2 mesi ago

Le 10 Migliori startup innovative del 2020

Fondi e proggetto. Opportunità di finanziamenti per startup.
Risorse4 settimane ago

Call per Startup : Bandi e Concorsi che non devi perdere di Vista

Advertisement

Trending Today