Connect with us

Notizie

WineTech: l’ecosistema dell’innovazione vitivinicola

Niente rende il futuro così roseo come il contemplarlo attraverso un bicchiere di Chambertin.
Napoleone Bonaparte

Pubblicato

-

Nonostante l’Italia sia rimasta in cima al podio dei produttori di vino, seguita da Francia, Spagna e Stati Uniti, è la Francia ad essere sempre più innovativa in questo settore.

Nasce in Francia : WineTech, un’associazione che rivendica il ruolo di primo ecosistema dell’innovazione vitivinicola!

L’iniziativa WineTech è parte di un programma più esteso chiamato “French Tech”, che ha stanziato un fondo di investimenti di 200 milioni di euro per gli acceleratori di startup privati.

In forma di associazione, questa nuova struttura sarà presieduta da Laurent David, ex direttore di Apple Europe, enologo e imprenditore.
Nata da una manciata di giovani imprenditori, WineTech riunisce 35 start-up francesi e mira a riunire l’ecosistema attorno a innovazioni tecnologiche, soluzioni intelligenti e nuovi usi per il consumo.

” La missione di WineTech è migliorare il valore dell’intera catena del settore vitivinicolo e inviare un segnale forte ai futuri investitori ”

WineTech, intende fare affidamento su tecnologie di intelligenza artificiale, come il riconoscimento delle immagini o motori di raccomandazione, ma anche nuove tendenze come il consumo collaborativo. Un’altra tendenza identificata come promettente è la blockchain.

Saranno favoriti due assi:

  • B2C attraverso lo sviluppo di siti e applicazioni commerciali ” per un approccio pratico ed educativo al mondo del vino e per promuovere l’accesso del maggior numero ai piccoli produttori “;
  • B2B grazie a piattaforme e software che offrono la centralizzazione dei cataloghi dei prodotti, l’assistenza nella gestione commerciale, vale a dire ” soluzioni per facilitare la vita quotidiana dei professionisti del vino “.

Queste startup ora sperano di contribuire a commercializzare le loro soluzioni su larga scala. Rivendicando in 4 anni la creazione di oltre 300 posti di lavoro, e mirando nel 2021 alla barra di 100 milioni di euro di fatturato.