Connect with us

INNOVATORI VS COVID-19

Antonio Lafiosca ci parla di BorsadelCredito.it : La prima piattaforma di Peer to Peer Lending per le aziende

Pubblicato

-

borsadelcredito it scaled

Ci parli di lei, della sua carriera e di come nasce questa idea imprenditoriale.

Antonio Lafiosca: Prima di fondare BorsadelCredito.it, ho lavorato nel settore bancario e finanziario, dove mi sono occupato soprattutto di accounting, credito e capital markets. Prima in KPMG Financial Services e poi in Accenture Management Consulting, ho partecipato a progetti di riorganizzazione di primarie realtà bancarie, concentrandomi anche sullo sviluppo di filiali estere sul mercato asiatico.

Durante quegli anni ho notato che mentre la tecnologia si evolveva e ci permetteva di trovare informazioni, prenotare treni e aerei o acquistare regali alla velocità del mondo connesso, il mondo del credito italiano restava indietro. Per questo, insieme a Ivan Pellegrini e Alessandro Andreozzi, i co-founder della società, abbiamo deciso di dare una forte spinta innovativa al questo settore. Così è nata BorsadelCredito.it: un marketplace totalmente online dove aziende e investitori collaborano per ottenere credito e far crescere i propri risparmi. Il tutto alla velocità del mondo digitale.

Antonio-Lafiosca-BorsadelCredito.it

Come innova BorsadelCredito.it?

Antonio Lafiosca: Attraverso una tecnologia completamente proprietaria, che ci permette di analizzare un altissimo numero di richieste di finanziamento in un tempo brevissimo. Inoltre, la nostra tecnologia è flessibile, adattabile a diverse esigenze, senza iter autorizzativi o modifiche di legacy. Questo ci permette, oggi, di modificare il nostro modello di business: nati come software house, dopo aver messo la nostra tecnologia al servizio dell’economia reale declinandola in un prodotto come il lending, ci apprestiamo a diventare un partner per banche e altri istituti finanziari che vogliono offrire servizi alle PMI. Le banche potranno così a loro volta efficientare i processi, integrando in maniera pressoché automatica il nostro algoritmo nel loro processo, oppure intervenendo sulla gamma di prodotti, dando vita a nuove offerte fatte su misura, velocemente.

In che modo la pandemia da COVID-19 ha colpito BorsadelCredito.it e come state affrontando questa crisi? E quali sono le lezioni apprese?

Antonio Lafiosca: Abbiamo cercato di dare una mano alle imprese colpite dalla crisi, creando dei prodotti appositi e rendendoli subito disponibili. Nel corso di due settimane, abbiamo lanciato la prima offerta dedicata alle PMI che necessitavano di liquidità di emergenza, “Cash anti Covid-19”, e a breve giro “Cash anti Covid Fase 2”, per le PMI già pronte al rilancio. Abbiamo poi avviato la cartolarizzazione con Banca Valsabbina e dato vita a una partnership con Confesercenti per rendere più immediato l’accesso alle 350mila imprese associate ai nostri servizi. Tutto questo grazie a un processo creativo che è quello delle start-up e si basa sul principio del fail-fast: analizza, prova e se non funziona, cambia strada. Questo approccio è quello che seguiamo da due anni per il lancio di tutti i nostri prodotti, con l’obiettivo di posizionarci in quegli spazi di mercato dove le soluzioni tradizionali sono poco efficaci o, addirittura, non ci sono. Una politica che anche gli istituti finanziari tradizionali possono attuare se si dotano degli stessi strumenti del FinTech.

Il vostro sito Web:

https://www.borsadelcredito.it/

Le sue considerazioni finali su questa emergenza?

Antonio Lafiosca: Il Covid sta mettendo in difficoltà la nostra economia, anche se va comunque considerato che le imprese avevano smesso di crescere già da prima. Si evince dal Report regionale PMI 2020, realizzato da Cerved e Confindustria, secondo cui il Covid si innesta in un periodo di debolezza per le PMI che, dal 2018, avevano praticamente interrotto la loro lenta ripresa per riagganciare i valori del 2008. Il Covid-19 avrà un impatto molto forte sui conti delle PMI, con ricadute pesanti sugli indici di redditività. Ma la buona notizia è che i fondamentali finanziari delle PMI continuano a rafforzarsi, registrando una forte riduzione del peso dei debiti finanziari in rapporto al capitale netto, sceso nel 2018 al 63% (dal 66% del 2017 e dal 116% del 2007). Il futuro, a nostro avviso, si giocherà proprio su questo dato. Il maggior problema delle PMI è oggi la liquidità, ma è possibile farvi fronte proprio perché, anche in un contesto di debole crescita di fatturato e redditività, i fondamentali finanziari hanno continuato a migliorare. Dunque, nella media, le imprese hanno la possibilità di richiedere un finanziamento. E possono così investire per far fronte alla crisi, nei modi che – come rileva Istat – stanno già attuando, ovvero, principalmente riorganizzando spazi e processi (23,2% delle imprese) e modificando o ampliando metodi di fornitura dei prodotti/servizi (13,6%).

Crediamo che quello che è successo nel 2020 possa avere l’effetto di una scossa e costringere le imprese a un cambiamento epocale: la pandemia ha dimostrato con i fatti che la digitalizzazione sia ormai una necessità e non è un caso che l’e-commerce sia stato, insieme ai dispositivi medicali, l’unico settore a crescere a doppia cifra, mentre gli altri perdevano altrettanto in termini di vendite. Tutte le imprese lo hanno compreso e stanno aggiungendo il canale digitale alla propria offerta. Ci saranno fallimenti, ci sarà una selezione, ma alla fine le PMI che resteranno sul mercato saranno più forti e promettenti di prima. E il FinTech sarà al loro fianco per supportarle nel cammino.

Informazioni su BorsadelCredito.it :

BorsadelCredito.it è il leader nel settore dei prestiti alle imprese del Mediterraneo.
Specializzata nella tecnologia a supporto del credito alle micro, piccole e medie aziende, vanta oggi più di 25.000 imprese clienti provenienti da tutta Italia, 4.000 prestatori e circa 125 milioni di euro erogati. La start-up FinTech è nata nell’ottobre 2013 come piattaforma digitale di brokeraggio per il credito alle aziende, aprendo poi nel settembre 2015 il canale del P2P lending come primo operatore per le imprese in Italia, in qualità di Istituto di pagamento autorizzato da Banca d’Italia. Oggi la Società supporta le PMI principalmente attraverso l’investimento di fondi alternativi riservati a investitori professionali. Per maggiori informazioni si rimanda al sito www.borsadelcredito.it

 

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month