Connect with us

Notizie

Coronavirus : si trasmette agli animali domestici ?

Pubblicato

-

coronavirus animali

Dopo il primo caso del cane risultato positivo al nuovo coronavirus, i proprietari di animali domestici si chiedono se i loro amici a quattro zampe possono essere infettati dal virus e se possono trasmetterlo.

Anche se un primo caso era già stato verificato a Hong Kong, non c’è nessuna prova scientifica che conferma che il nuovo coronavirus può essere trasmesso da un cane o un gatto al suo proprietario. “Nonostante la presunzione di una prima introduzione di 2019-nCoV negli esseri umani dagli animali, la successiva via di trasmissione predominante sembra essere da uomo a uomo“, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità animale.

Inoltre, un gruppo di esperti ha affermato che “non ci sono prove che gli animali domestici e gli animali da allevamento svolgono un ruolo nella diffusione del virus SARS-CoV-2 ” Specificano che “se il genoma del virus è stato rilevato nelle cavità nasali e orali di un cane in contatto con un paziente infetto a Hong Kong, il rilevamento del genoma non è una prova sufficiente per concludere che l’animale ha contratto il Virus. La contaminazione passiva non può essere esclusa, in particolare a causa della possibile sopravvivenza del virus su una mucosa umida “.

Coronavirus: come proteggere gli animali?

In attesa di avere le certezze, l’OMS e le organizzazioni veterinarie mondiali consigliano, se tu o il tuo animale non siete stati in contatto con una persona positiva al COVID 19 o se non siete stati in Cina nelle ultime settimane, di rispettare le stesse misure che per il contenimento del coronavirus o degli altri batteri trasmissibili comuni :

  • Lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone dopo il contatto con un animale domestico;
  • Stai lontano dai tuoi animali se ti senti male e indossa una mascherina protettiva;
  • Copri la bocca e il naso quando tossisci o starnutisci;
  • Cottura completa di uova e carne;
  • Evitare il contatto con persone malate con segni respiratori degradati.
Continua a leggere
Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *