Connect with us

Risorse

5 Errori da evitare per creare una startup di successo

Published

on

startupper pensa alla strategia di business prima della creazione startup

Nell’ultimo periodo, il numero delle Start up di nuova creazione sta aumentando in modo esponenziale. E tutti fanno a gara per trovare nicchie di mercato più redditizie rispetto alle altre ma ci sono degli errori che dovresti evitare per creare una start up di successo.

1. Credere poco nelle potenzialità della pubblicità !

Come diceva Henry Ford, “La pubblicità è l’anima del commercio”. Attualmente grazie all’evoluzione del web e dei social network, è impensabile non effettuare una promozione della tua attività. Ti consigliamo vivamente di fare pubblicità, perché se non promuoverai l’attività, fallirai ancora prima di iniziare.

2. Partire senza capitale !

Forse molti non sanno che una Startup è un’azienda o un’impresa a tutti gli effetti. Nessuno è mai partito nella creazione di un’attività del genere senza soldi. Quindi se la tua idea è crearne una, cerca di partire con un bel gruzzoletto.

3. Utilizzare la strategia aziendale sbagliata !

Dopotutto, creare una Startup deve prevedere un percorso da seguire. Se non riesci a realizzare questa strategia in modo autonomo, ricordati di assumere un consulente aziendale. Ti costerà un bel po’ ma sicuramente ne vale la pena perché lui ti guiderà lungo la strada del successo aziendale.

4. Scoraggiarsi facilmente !

Se dopo pochi mesi dal lancio della tua Start up le cose non vanno per il meglio non preoccuparti. C’è rimedio a tutto. Cerca di esaminare gli errori, e ricorda che qualsiasi azienda non può fatturare subito ma ci vuole almeno un po di tempo per vedere i risultati.

5. Non avere un piano di riserva !

Se i tuoi piani non vanno per il meglio e non hai un piano B, le perdite in denaro potrebbero essere altissime, e tutti i tuoi investimenti non saranno valsi a nulla. Se non hai creato un piano secondario cerca di crearlo al più presto.

Copywriter occasionale con una grande passione per la scrittura

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Risorse

Vuoi investire in una startup ma non sai come fare? Di seguito 4 consigli utili per farlo

Published

on

Investire in una startup è oramai alla portata di tutti. Grazie alle numerose piattaforme di equity crowdfunding, sicure e facili da utilizzare, sempre più persone decidono di allocare una parte dei propri fondi personali in questa tipologia societaria.

Quando prendiamo in considerazione di investire in una startup dobbiamo, però, considerare entrambe le facce della medaglia. Infatti, se da un lato una startup ha un alto potenziale di crescita, dall’altro lato il rischio fallimento è dietro l’angolo. Per questo, prima di investire, bisogna considerare e valutare una serie di fattori che ci permettono di capire se l’investimento si rivelerà fruttuoso oppure no.

Cosa caratterizza una startup

Innanzitutto, è bene chiarire che non tutte le aziende che nascono sono startup. Una startup per definirsi tale deve possedere le seguenti caratteristiche:

  • Temporaneità: la qualifica di startup è temporanea e rappresenta la prima fase del percorso che la porterà a diventare una grande impresa;
  • Scalabilità: è la capacità di crescere in modo esponenziale utilizzando poche risorse;
  • Replicabilità del modello di business: vuol dire che il business model può essere ripetuto in diverse aree geografiche o periodi temporali senza grandi cambiamenti. Il business model aiuta a capire la fattibilità del progetto (scalabilità, replicabilità, bisogno reale del cliente); per questo è indispensabile redigere un Business Model Canvas o un Lean Model Canvas per capire il reale valore del prodotto immesso sul mercato e le modalità di monetizzazione;
  • Innovazione intrinseca: deve esserci un’importante innovazione di prodotto o di processo. Quando parliamo di startup, l’innovazione rappresenta la “conditio sine qua non”; una startup, infatti, nasce per soddisfare un bisogno non ancora soddisfatto e apportare un’innovazione che ancora manca sul mercato.

4 fattori per valutare l’investimento in una startup

  • Team: la valutazione del team è un aspetto molto importante da tenere in considerazione. Il team, infatti, costituisce la colonna portante della startup stessa. Solitamente il team (almeno all’inizio) è composto da due figure: il CEO (Chief Executive Officer) e il CTO (Chief Technical Officer), esperti del settore business e tecnologico. Oltre all’esperienza pregressa del team e alle competenze maturate, un investitore tiene conto anche della vision e della motivation degli imprenditori.
  • Prodotto/servizio: questa fase richiede uno studio approfondito. Per prima cosa bisogna confrontare il prodotto/servizio che si intende offrire con quelli presenti sul mercato e valutarne l’effettiva necessità dell’introduzione del prodotto/servizio sul mercato stesso, bisogna poi analizzare attentamente i competitor sia diretti che indiretti in relazione a quello che offrono e a quello che noi andremo ad offrire. Una particolare attenzione dovrà essere posta sul vantaggio che tale prodotto/servizio possiede rispetto agli altri; dunque, quali sono le sue principali caratteristiche distintive;
  • Traction: nel mondo delle startup la “Traction is the king”, senza di essa avrà vita breve e, di conseguenza, non avrà mai un futuro. La traction è la prova che qualcuno vuole comprare il prodotto e che soddisfa una richiesta reale del mercato. Ogni potenziale investitore dovrà misurare la traction di una startup per capire l’effettiva capacità di una startup non solo di offrire un prodotto che soddisfi un bisogno ma anche la sua capacità di crescere e di acquisire nuovi clienti;
  • Dimensione del mercato: un’attenta analisi di mercato, consentirà di capire la potenziale crescita ed evoluzione della startup nella quale si ha intenzione di investire. Ad esempio, un mercato troppo piccolo indicherà una crescita lenta e ciò potrebbe compromettere la riuscita del progetto; al contrario, un mercato potenziale ampio è indicativo di una possibile crescita esponenziale e quindi di successo del progetto. È importante valutare anche il trend del mercato, meglio agire in mercati in crescita anziché in declino.
Continue Reading

Risorse

Startup Early Stage: come si definiscono e cosa fanno

Published

on

La fase di Early Stage rappresenta l’inizio della vita di un’impresa ed include tutte le operazioni di investimento indispensabili per la sua crescita.

Cos’è e come funziona la Startup Early Stage

La Startup Early Stage attraversa quel momento in cui l’idea ha bisogno di essere perfezionata. Vanno perciò effettuati tutti i test necessari a dimostrare l’efficacia del prototipo. Si tratta essenzialmente della fase di sviluppo del prodotto che ha lo scopo di valutare la possibilità o meno di ottenere finanziamenti per giungere alla sua immissione nel mercato. Una volta che l’idea è pronta per diventare realtà si raggiunge la fase centrale di Early Stage. L’obiettivo principale di una Startup nascente è quello di ottenere un numero consistente di consensi da parte dei finanziatori. Tra gli elementi rilevanti è inclusa anche l’individuazione del mercato di riferimento del prodotto che consenta di generare i primi ricavi. La Startup Early Stage ha l’opportunità di attirare i suoi primi clienti e i sostegni che costituiscono le basi del suo futuro. Le caratteristiche principali che accomunano una Start up in questa fase sono:

  • La presenza di pochi dipendenti, in genere meno di dieci
  • L’assenza di profitti
  • L’incapacità di corrispondere stipendi competitivi

Se infatti l’impresa possiede già ricavi sufficienti per far fronte a tutte le esigenze della squadra non può essere classificata come una Startup Early Stage.

Di cosa ha bisogno una Startup Early Stage

Una Startup in fase di creazione necessita principalmente di capitale. La fase di Early Stage viene definita appunto di pre-finanziamento nella quale è importante dimostrare l’efficienza e la validità del team. Le necessità che emergono per una Startup Early Stage vengono soddisfatte solamente mettendo in atto determinate azioni:

  1. Individuare un target definito. Il prodotto o servizio immesso nel mercato deve far fronte al bisogno di un target sufficientemente ampio per garantire il successo della Startup
  2. Testare l’efficacia della soluzione. L’obiettivo principale dell’impresa deve essere quello di offrire un prodotto funzionale ed appetibile capace di creare riscontri positivi tra gli utenti
  3. Identificare gli effetti sul mercato. Quando il prototipo viene immesso nel mercato è possibile iniziare a valutare i margini di crescita economici e stabilire se può sussistere un adeguato ritorno in termini finanziari per l’impresa
Continue Reading

Risorse

10 trucchi per trovare un nome efficace alla tua start up

Published

on

Quando si decide di avviare una start up, una delle prime sfide da affrontare riguarda senz’altro la scelta del nome. Generalmente nella fase iniziale si tende a farsi prendere dall’aspetto emotivo e a optare per quel nome che gira nella mente da tanto tempo. In realtà, è consigliabile fare questa scelta nel modo più razionale possibile, tenendo conto di tutti i fattori che possono andare a garantire l’efficienza del nome.

Trovare i nomi non è mai cosa da poco. Richiede tempo, impegno e tanto studio. La prima cosa da considerare è che su quel nome, verranno investiti tanti soldi, in modo consapevole o inconsapevole. Il nome inoltre, non è importante solo per i possibili nuovi clienti, ma anche per i fornitori, partners e per la comunità in genere dove si opera.

Il nome è il primo biglietto da visita di una start up. Secondo gli esperti di naming, un nome deve essere corto, memorizzabile, originale, gradevole e orecchiabile. In questo articolo andremo ad elencare 10 trucchi per trovare un nome efficace per la tua start up.

  1. No nomi difficili e generici: Il nome deve essere breve e facile da scrivere e ricordare per permettere ai clienti di trovare facilmente la tua startup, anche online. Non scegliere nomi troppo generici. Per esempio, American Airlines è un nome generico. Alitalia invece è un nome creativo che nasce da un mix di parole. I nomi generici tendono inoltre ad essere dimenticati molto facilmente e vengono confusi con altri.
  2. Fai ricerca: Prima di iniziare a fare una lista di nomi papabili, studia la concorrenza. È molto utile fare ricerca su Google e segnare i nomi che usano gli altri, per vedere cosa funziona e cosa no, quale scelta trovi più coerente, audace e originale. Dopo la ricerca potrai iniziare a buttare giù qualche idea. Inoltre, è importante verificare sempre che il nome dominio sia libero. Per farlo, basta digitare il nome dominio di tuo interesse per vedere subito se è disponibile o meno.
  3. Acronimi e mix di parole: Per creare gli acronimi prova a utilizzare la prima lettera di ogni parola di una frase o parti di parole o di nomi.  Un esempio famosissimo è BBC (British Broadcasting Corporation). Anche mescolare parole può portare a risultati interessanti. In questo caso ti consigliamo di mescolare due o più parole significative per te e per la tua impresa. Un paio di esempi: Compaq (da “computer” e “pack”) e Groupon (da “group” e “coupon”).
  4. Letteratura e parole straniere: Se sei un appassionato di storia e letteratura, ti basterà fare qualche ricerca nelle leggende greche e romane.  Molte società famose hanno usato questo trucchetto: ASUS (dal cavallo alato Pegaso, in inglese “Pegasus”) e Nike (dalla dea della vittoria). Sempre più start up italiane optano inoltre per nomi stranieri. Il motivo è che un nome straniero può lasciare il segno nella lingua madre dei tuoi clienti. Basti pensare a Audi (la traduzione latina del cognome tedesco “Horch”) e Altavista (in spagnolo “alta vista”). Una delle lingue più utilizzate dalle start up è il latino. Pensa ad esempio ad Acer (che in latino vuol dire “acuto”, “capace”) e Volvo (dal latino “io volgo”), due dei nomi più celebri e più facili da ricordare.
  5. Mappa mentale: Una mappa mentale è un ottimo un modo per farsi venire le idee. Basta prendere un bel foglio bianco, matita, penne e colori. Al centro del foglio scrivi la parola dalla quale vuoi partire e poi unisci tutte le altre, in un gioco di ramificazioni ad albero. I risultati di questo trucchetto ti sorprenderanno.
  6. Nome accattivante: cerca di evitare scelte banali e poco creative. In nome della tua start up deve colpire i potenziai clienti e deve avere un suono gradevole anche in altre lingue. Per valutare questo aspetto puoi sperimentare il nome con amici, parenti o colleghi fidati e chiedere un loro parere. Il loro aiuto si rivelerà molto prezioso.
  7. Nomi descrittivi: Chiudi gli occhi e prova pensare alla tua attività: qual è la parola o quali sono le parole che potrebbero meglio descrivere quello che fai? Un esempio di un marchio che ha fatto ricorso a questa tecnica è la catena di supermercati 7-Eleven, il cui nome dice chiaramente qual è la prerogativa della sua attività: i negozi sono aperti dalle 7 del mattino alle 11 di sera tutti i giorni.10.
  8. Usa la tua storia: Se dietro alla tua start up si nasconde una storia, raccontala con il nome. Per fare qualche esempio: Virgin (i fondatori suggerivano l’idea di essere completamente nuovi nel settore) e Mozilla (ossia killer di Mozaic – un internet browser).
  9. Il tuo nome: Se proprio sei a corto di idee o nessuna opzione ti convince, perché non usare il tuo nome? Molti dei marchi più celebri riprendono in realtà il nome del proprio inventore o proprietario, come Bayer (Friedrich Bayer fu il fondatore dell’azienda), Boeing (da William E. Boeing). Anche i soprannomi vanno bene. Pensa alle aziende come Mercedes (dal nome della figlia di uno dei fondatori) e Danone (dal nomignolo del figlio di uno dei fondatori).
  10. Convinzione: qualsiasi sia il nome che deciderai di dare alla tua start up, l’importante è che tu ci creda veramente. E ricorda, non deve piacere solo a te, ma al tuo mercato di riferimento.
Continue Reading

Newsletter

Advertisement
Notizie1 giorno ago

🔴 Coronavirus, Italia : gli ultimi aggiornamenti

Notizie4 giorni ago

Coronavirus, Bosch sviluppa un test facile e rapido

coronavirus decreto comuni
Magazine5 giorni ago

Covid-19, Conte: “Subito 4,3 miliardi ai Comuni e 400 milioni per bisognosi”

Notizie4 giorni ago

Coronavirus e Start up: 770 candidature sul sito del Ministero dell’Innovazione

coronavirus intelligenza artificiale big-data
Notizie3 giorni ago

Covid-19: intelligenza artificiale e big data per combattere la pandemia

Notizie6 giorni ago

Coronavirus, proroga della chiusura delle scuole : “Forse le scuole non riapriranno più”

coronavirus italia nuovo dpcm
Notizie1 giorno ago

Coronavirus: Conte firma il nuovo dpcm, misure prorogate al 13 aprile

Notizie7 giorni ago

Coronavirus, start up individua chi non rispetta i limiti del decreto

Notizie2 mesi ago

10 startup italiane da tenere d’occhio nel 2020

decreto cura bonus 600 euro domanda
Notizie1 settimana ago

Decreto “Cura Italia”, Bonus 600 euro : come fare la domanda

tourismo-coronavirus
Notizie1 settimana ago

Turismo: superare il coronavirus in otto mosse

Notizie1 settimana ago

Covid-19: Vaccino “efficace” testato sull’uomo in Cina

Fedez da rapper ad imprenditore. Photo di Fedez con occhiali da sole
Lifestyle3 mesi ago

Da rapper ad imprenditore: Fedez e il mondo delle startup

Piattaforma online2 giorni ago

Coronavirus: nasce “Riparto da casa” a sostegno delle imprese italiane

Risorse3 settimane ago

“Startup” o “Start-up”? scopri la differenza

Risorse2 mesi ago

Cosa si intende per micro impresa? Definizione e condizioni

Viaggi1 settimana ago

VISITpass: Online Travel Agency per sportivi e tifosi

Fondi e proggetto. Opportunità di finanziamenti per startup.
Risorse3 mesi ago

Call per Startup: Bandi e Concorsi che non devi perdere di Vista

Risorse Umane1 mese ago

PerPranzo: la rivoluzione della pausa pranzo aziendale

Risorse2 mesi ago

Blue Ocean Strategy

Advertisement

Trending Today