Connect with us

INNOVATORI VS COVID-19

Fabio Ferri ci parla di Tesla Sistemi Informatici: Dall’Intelligenza Artificiale all’impaginazione automatica

Pubblicato

-

Fabio Ferri Tesla Sistemi Informatici

Come state, lei e la sua famiglia?

Fabio Ferri: Fortunatamente stiamo bene, grazie.

Ci parli di lei, della sua carriera e di come nasce questa idea imprenditoriale.

Fabio Ferri: Già da quando ero uno studente universitario, una delle mie passioni è sempre stata l’Intelligenza Artificiale legata alle nuove tecnologie e il suo impiego nel mondo del lavoro. Da quei primi studi nel 1989, quando ancora ero uno studente alla facoltà di informatica a Milano do vita alla mia prima società. L’idea è quella di sviluppare un software in grado di svolgere, in modo intelligente, quelle attività legate alla realizzazione di cataloghi e listini prezzo che svolte in modalità manuale risultano complesse, lunghe e imprecise. Nel 1995 insieme ad altri due soci, appassionati ed esperti del settore come me, nasce Tesla Sistemi Informatici.

L’idea è sempre stata quella di automatizzare le attività ripetitive che sono fonte di enormi perdite di tempo e soprattutto causa di errori. Ci siamo così impegnati a creare un sistema di impaginazione che genera in automatico tutte quelle pubblicazioni tecniche e commerciali, come ad esempio i cataloghi, i listini prezzo, le schede e la manualistica tecnica, che di solito sono realizzati manualmente pagina per pagina. I nostri sistemi, ad oggi, sono in grado di realizzare autonomamente cataloghi molto complessi anche di migliaia di pagine, partendo dai dati che le aziende hanno nei loro sistemi informativi (nei programmi gestionali, negli ERP, nei sistemi CMS per il contenimento dei dati, nei PIM, ecc..).

Come innova Tesla Sistemi Informatici?

Fabio Ferri: L’innovazione per noi è fondamentale e si traduce in una continua ricerca. Il nostro scopo è quello di trovare nuove strade che modifichino o quantomeno introducano un efficace rinnovo sia del metodo di lavoro che del metodo produttivo. Per poter mantenere alti gli standard tecnologici dobbiamo essere sempre aggiornati, in continua evoluzione.

L’implementazione di nuove funzionalità, che regolarmente introduciamo nelle nuove release, parte dall’ esigenza dei clienti a soddisfare il cambio tecnologico. Può sembrare anacronistico ma crediamo che la vera innovazione nel lavoro risieda nel concedere più tempo libero a chi lavora. È anche per questo motivo che impieghiamo tempo e risorse a migliorare le performance dei nostri software e la loro usabilità.

In che modo la pandemia da COVID-19 ha colpito Tesla Sistemi Informatici e come state affrontando questa crisi?

Fabio Ferri: A differenza di molte altre aziende che hanno dovuto accelerare il processo di informatizzazione, noi eravamo preparati perché il nostro lavoro si basa su l’uso di strumenti informatici e questo ha fatto sì che fossimo pronti per affrontare la necessità di lavorare da casa.
Per noi sia il lavoro da remoto sia il contatto online con i clienti è prassi consolidata da anni, soprattutto con i clienti che si trovano lontani da noi.

Indubbiamente, per quanto riguarda i rapporti interpersonali, come tutti abbiamo accusato il colpo, anche perché il nostro team ha sempre lavorato gomito a gomito in modo proficuo e creativo. La modifica delle nostre routine lavorative ha avuto una inaspettata evoluzione però. Mantenendo con successo l’affiatamento che ci legava, anche lavorando a distanza, abbiamo incrementato la produttività.

Avete dovuto prendere decisioni difficili? E quali sono le lezioni apprese?

Fabio Ferri: Fortunatamente il nostro gruppo di lavoro non è stato modificato in nessun modo. Essendo noi una società che tratta un aspetto fondamentale per il marketing delle aziende, abbiamo avuto un ritorno significativo.

Rimaniamo però sempre attenti a quello che succede intorno a noi. Nuove lezioni si apprendono ogni giorno. Come tutti hanno potuto constatare la pandemia ha cambiato di molto le modalità e l’interazione tra le persone ed ovviamente anche i rapporti di lavoro tra le varie imprese. É importante comunicare tra di noi, ed è importante far sapere ai nostri clienti che noi ci siamo e siamo a loro disposizione come sempre.

Come gestite lo stress e l’ansia in questo periodo di emergenza sanitaria e come proiettate, voi stessi e Tesla Sistemi Informatici nel futuro?

Fabio Ferri: Dopo un primo momento di naturale spaesamento, dovuto alla necessità obbligatoria di cambiare il nostro modo di lavorare insieme, siamo riusciti a trovare un equilibrio e una ottima intesa facendo uso della comunicazione virtuale in modo massiccio. Certamente non ha spazzato via stress e ansia ma ci ha fatto sentire vicini gli uni agli altri, alleviando le nostre preoccupazioni. Lavorare inoltre in smart working e definendo degli obiettivi ben precisi, riusciamo a gestire al meglio il nostro tempo, senza tralasciare il rapporto con i colleghi.

Per quanto riguarda il futuro, ci siamo accorti che questo tipo di approccio al lavoro è molto interessante e produttivo. Abbiamo già apportato le necessarie modifiche alle nostre dinamiche lavorative affinché questo metodo diventi stabile e continuativo. In prospettiva futura, questo ci permetterà anche di collaborare con persone che non devono raggiungere l’ufficio ogni mattina e quindi potremo assumere le migliori professionalità, ovunque esse si trovino.

Chi sono i vostri competitor e come pensate di superare la concorrenza?

Fabio Ferri: Di aziende che hanno sviluppato un sistema di impaginazione automatica come il nostro, in tutti questi anni ne abbiamo incontrate veramente poche. I sistemi di impaginazione automatica sono complessi ed è necessaria molta esperienza per riuscire ad ottenere i risultati richiesti.

É molto importante poi che questi sistemi vengano progettati in modo da riuscire a mantenere il funzionamento aggiornato e coerente con le continue nuove richieste del mercato e dei clienti. Noi cerchiamo sempre di migliorare i software e le procedure e questo, abbiamo potuto constatare, è quello che ci fa continuare a restare in un mercato così difficile.

Link utili:

www.tesla.it
www.frameeditor.it
www.fastcat.it

Le sue considerazioni finali su questa emergenza?

Fabio Ferri: É una situazione difficile per tutti, con conseguenze dirette e indirette non ancora quantificabili ma purtroppo in alcuni casi molto pesanti.
Tutte le crisi portano a cambiamenti, l’ideogramma giapponese che indica crisi è composto da due segni, uno che rappresenta “pericolo” e uno che rappresenta “opportunità”.

Quello che penso è che tutti noi dobbiamo trovare la strada per non commettere più i vecchi errori e quindi trovare nuovi sbocchi, nuove modalità ovvero nuove opportunità.

 

Co-Founder & COO di Startup.info, appassionato del mondo Innovazione e Startup.

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month