Connect with us

Notizie

In arrivo WhatsApp Pay: cos’è e come funziona

Secondo la recente dichiarazione di Mark Zuckerberg, nei prossimi mesi arriverà anche in Italia WhatsApp Pay, un sistema di pagamento innovativo.

Pubblicato

-

WhatsApp Pay

WhatsApp Pay consentirà di effettuare pagamenti fra persone e di pagare nei siti di e-commerce. Il sistema è basato su tecnologia UPI (Unified Payment Interface) Peer to Peer che permette di ricevere e inviare denaro in tempo reale.

Come funziona WhatsApp Pay

Nel 2018 il rivoluzionario sistema di pagamento è stato testato in India riscuotendo un enorme successo. Grazie agli eccellenti risultati ottenuti, Zuckerberg prevede di lanciare WhatsApp Pay in un certo numero di Paesi (tra i quali l’Italia) nei prossimi sei mesi. Il nuovo sistema di pagamento è basato su tecnologia UPI (Unified Payment Interface) Peer to Peer, un sistema per le transazioni interbancarie sviluppato in India.

Questa tecnologia è nata dell’esigenza di velocizzare le operazioni interbancarie. Le transazioni effettuate attraverso WhatsApp Pay saranno quindi immediate, “veloci e facili come inviare un’immagine ” ha dichiarato Menlo Park, il CEO di Facebook. Per quanto riguarda il suo meccanismo di funzionamento, ogni account WhatsApp sarà associato al proprio conto corrente o carta di credito. Il nuovo sistema di pagamento permetterà a tutti i possessori di smartphone (con installato la famosa app di messagistica istantanea) di scambiarsi pagamenti e di pagare anche su tutti i siti di e-commerce che lo supportano.

Un rischio per le autorità bancarie?

WhatApp Pay, come già anticipato, possiede un’ interfaccia di pagamento ”peer-to-peer” che permette agli utenti di trasferire somme di denaro gratuitamente tra privati, in tempo reale e con disponibilità immediata sul conto del ricevente. Proprio per questo motivo, in India, dove il sistema di pagamento è già funzionante, le autorità hanno espresso una certa preoccupazione in merito soprattutto al rischio di non tracciabilità di tutte le transazioni. Secondo il parere di alcuni esperti in materia, un numero di operazioni troppo elevato potrebbe rendere impossibile la possibilità di esercitare un controllo meticoloso su di esse.

Non ci resta quindi che attendere e scoprire come WhatsApp Pay sarà recepita e utilizzata dagli utenti in Europa.

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month