Connect with us

Lifestyle

Vivere green senza rinunce? Si può (anche con i consigli degli influencer)!

Spesso pensiamo che vivere rispettando l’ambiente e svoltando verso scelte ecologiche e sostenibili, possa essere faticoso e poco pratico. Ma non è così! È solo pigrizia ed è molto più semplice di quanto si pensi.

Pubblicato

-

Ci sono delle piccole regole da poter seguire, consigli utili che ci permetteranno davvero di renderci conto di quanto sia facile adottare uno stile di vita green. E non c’è bisogno di addentrarci in ricerche su Google senza fine o leggere manuali immensi. Basta seguire alcuni influencer di Instagram che hanno scelto di diventare un modello da seguire in questo settore.

Sonia Grispo, 33 anni, è una ragazza di Catania che vive a Londra, ha circa 70mila follower su Instagram e, sulla scia di Chiara Ferragni, ha iniziato il suo lavoro online aprendo un blog. Ecco una sua dichiarazione rilasciata a StartupItalia:

«Era il 2008, scrivevo soprattutto di moda. L’anno dopo ho lanciato un progetto editoriale, un free press femminile cartaceo. È durato dieci anni, poi ci siamo resi conto che non faceva più per noi anche per una questione ecologica».

Sul suo profilo, è possibile guardare le stories in evidenza che parlano di sostenibilità e dell’emergenza della plastica inquinante. È vegetariana e rassicura chi vorrebbe diventarlo che non si mangia solo insalata.

Sempre nell’intervista rilasciata a StartupItalia, ci tiene a spiegare che bisogna stare attenti al rubinetto:

«La cosa più banale che possiamo fare è chiudere il rubinetto dell’acqua quando ci laviamo i denti. Chi lo fa risparmia 3 litri di acqua al minuto, 900 litri al mese. Lo stesso vale quando ci si lava le mani: molti non sanno che per far agire il prodotto bisogna attendere. Soltanto così l’insaponata ha senso».

Ma sono tantissimi gli influencer che hanno deciso di parlare al proprio pubblico, dell’ecologico e del rispetto dell’ambiente. Molto interessante è il profilo di Elena Clara Maria che ha circa 25 milioni di follower e nonostante la giovane età ha creato delle pillole-guida a un lifestyle totalmente votato al green. Molti sono poi i profili generici che danno spunti utili in questo senso.

Ecco alcuni consigli semplici da seguire:

Non bisogna assolutamente gettare Cotton fioc nel water così come i dischetti di cotone usa e getta. Possono essere tranquillamente sostituiti dai dischetti lavabili. In questo modo si evita la cosiddetta “zuppa” di plastica che galleggia negli oceani.

Usare sempre la giusta quantità di prodotti senza sprechi e ai vestiti si dà sempre una seconda chance. La coppetta mestruale potrebbe essere un’ottima alternativa ecologica agli assorbenti e bisogna assolutamente abbattere i tabù sul loro uso. Evitare il consumo di bevande nelle bottigliette di plastica è forse ciò che c’è di più urgente da fare.

Spostarsi quanto più possibile a piedi, in bici o con i mezzi pubblici perché l’automobile oltre che inquinante è diventata anche più costosa. Diffondere la pratica della doggy bag, ossia portare a casa gli avanzi quando si va al ristorante per evitare sprechi alimentari. Riutilizzare la busta per la spesa e comprare meno con l’e-commerce, materiale scadente e di scarsa qualità. Meglio avere l’armadio con pezzi di qualità che possano durare nel tempo.

Fare qualcosa di concreto per l’ambiente e per il nostro futuro, è davvero un gioco da ragazzi!

Continua a leggere
Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *