Connect with us

Risorse

Google vieta la pubblicazione di post sponsorizzati?

Pubblicato

-

Google

I blogger accettano post sponsorizzati perché sono una buona fonte di reddito. Ciò significa che le aziende collaborano con i creatori di contenuti per commercializzare i loro marchi e prodotti sui loro siti Web o piattaforme di social media. Questa partnership mira a guidare il pubblico verso il proprio marchio e prodotto in cambio di denaro, un pezzo di eBook o software gratuito, accesso gratuito a una piattaforma e altro ancora.

Anche se non è sbagliato pubblicare post sponsorizzati, devi rispettare alcune regole del mestiere. Google non è contro i contenuti a pagamento, ma ha stabilito alcune regole per impedire la manipolazione delle classifiche utilizzando contenuti sponsorizzati.

Pertanto, l’articolo esaminerà queste regole per aiutarti a rimanere nei buoni libri di Google ed evitare sanzioni.

Cosa dice Google sui post sponsorizzati?

Come accennato in precedenza, un post sponsorizzato è un post promosso o a pagamento il cui obiettivo è portare un marchio di fronte al pubblico di destinazione. Quindi i contenuti sponsorizzati contengono informazioni vitali e raccontano alle persone di più sull’azienda e sui suoi prodotti tramite il sito di un blogger o i social media.

In passato, Google pagava i blogger per generare e pubblicare contenuti sponsorizzati al fine di promuovere il browser Chrome. Quindi la società del motore di ricerca non può perseguire blogger e inserzionisti per aver fatto ciò che ha fatto alcuni anni fa.

Tuttavia, tra il 2012 e il 2013, Google ha penalizzato il popolare network di post sponsorizzati PostJoint e MyBlogGuest, creando così confusione nel mercato. Di conseguenza, molti creatori di contenuti sono diventati riluttanti a perseguire contenuti sponsorizzati perché hanno paura di essere penalizzati.

Il fatto è che Google non ha vietato i post sponsorizzati; ma, invece, ha fornito alcune linee guida che rendono accettabile la pubblicazione di contenuti promossi. Questi sono:

  • Tutti i link menzionati nel contenuto sponsorizzato dovrebbero essere nofollow.
  • Nessuna pubblicazione di contenuti sottili.

L’adesione alle due regole eliminerà le sanzioni manuali da parte di Google.

Come puoi pubblicare post sponsorizzati senza offendere Google

Un creatore di contenuti che possiede un sito con traffico costante può collaborare con i marchi e pubblicare i loro articoli sponsorizzati. I marchi beneficiano nei seguenti modi:

  • Ottengono un buon traffico e fidelizzazione del pubblico provenienti da siti Web noti.
  • Ottengono un posizionamento migliore su Google grazie ai backlink da un sito Web affidabile.

I backlink sono uno dei principali fattori che molti blogger generano regolarmente contenuti interessanti, coinvolgenti e unici. Tuttavia, guadagnare backlink in modo naturale non è una passeggiata a meno che il tuo sito web non sia molto popolare, davvero utile e offra ciò che nessun altro ha. Quindi un sito di alta qualità con un’enorme autorità, tragica e portata può addebitare $ 2000 per post sponsorizzato.

Google ti penalizzerà per la pubblicazione di post sponsorizzati quando hanno link che superano il PageRank. Il motore di ricerca vuole creare condizioni di parità e non consente alle aziende di acquistare molti link per dominare il motore di ricerca. Ciò creerà un’esperienza utente scadente per tutti.

Quindi Google passa molto tempo a riconoscere schemi di link naturali e innaturali e penalizza i blogger quando scopre siti con molti link in uscita non naturali. Il risultato di un’azione manuale di spam web è la riduzione del traffico organico e del business. Ciò significa che i tuoi canali di monetizzazione diminuiranno, anche le vendite di prodotti e le entrate degli affiliati diminuiranno.

Quindi, poiché Google non ha vietato la pubblicazione di post sponsorizzati, monitora i collegamenti non naturali, quindi devi seguire le sue regole nei seguenti modi.

Attributo Nofollow nei link

Un link nofollow non aumenta il tuo ranking e molti marchi insistono sui link dofollow. Quindi, invece di concentrarti sui vantaggi del PageRank che possono attirare una penalità, puoi utilizzare il attributo nofollow su tutti i link dei post sponsorizzati , che dice a Google di non passare il link juice al marchio.

Inoltre, dovresti divulgare al tuo pubblico tutti i post sponsorizzati, evitare di pubblicare un gran numero di contenuti promossi, tenere i link dofollow lontani da tali contenuti e i link di scarsa qualità.

Google dice,

“La pubblicità e altro materiale promozionale a pagamento sulle tue pagine non deve superare i tuoi contenuti. Non sono consentiti contenuti che nascondono o travisano contenuti sponsorizzati come contenuti editoriali indipendenti. La sponsorizzazione, inclusi, ma non limitati a, la proprietà o gli interessi di affiliazione, il pagamento o il supporto materiale, devono essere chiaramente divulgati ai lettori. L’argomento del contenuto sponsorizzato non dovrebbe concentrarsi sullo sponsor senza una chiara divulgazione”.

Mentre i marchi e gli inserzionisti pagano i blogger per ottenere un collegamento dofollow per i loro siti Web, non sono felici quando ottengono collegamenti nofollow dai loro post sponsorizzati. Tuttavia, possono ancora far crescere la loro classifica in un altro modo, come discusso di seguito.

Pubblica contenuti di alta qualità e pertinenti

Le classifiche dei motori di ricerca che il marchio e il tuo sito stanno cercando possono essere ottenute generando contenuti di qualità e non c’è alcun sostituto per questo. La pubblicazione di contenuti scarsi farà diminuire il tuo traffico di ricerca organico perché Google trova tale materiale privo di valore per il tuo pubblico.

Infatti si è in grado di dire quando gli utenti previsti sono soddisfatti della qualità dei loro contenuti. Tali contenuti guidano un aumento del traffico del sito che si traduce nella sua autorità e pertinenza.

In questo modo puoi posizionare strategicamente parole chiave o frasi sulla pagina. Inoltre, puoi utilizzare uno stile di scrittura e un linguaggio che rendano i tuoi contenuti letti in modo naturale. Quindi, per quanto desideri le classifiche, è importante notare che i post più sponsorizzati sono scritti per gli utenti e la qualità non dovrebbe mai essere sacrificata per la SEO.

Inoltre, oltre a sentirti forte sui contenuti, dovresti mantenere il tuo sito aggiornato regolarmente. Ciò significa che dovresti controllare il contenuto e apportare gli aggiornamenti secondo necessità.

È attraverso i contenuti che puoi soddisfare ogni fattore di ranking come traffico, backlink, autorità dell’argomento, coinvolgimento degli utenti, affidabilità e altro ancora. Quindi dai priorità alla qualità e alla coerenza per ottenere il traffico e i backlink che tu e il tuo sponsor state cercando.

Conclusione

L’articolo ha rivelato che Google non si oppone alla pubblicazione di post sponsorizzati; tuttavia, non puoi usarli per manipolare le classifiche. Tale violazione attira sanzioni manuali per lo spam web.

Per evitare ciò, Google consiglia l’uso del collegamento nofollow per evitare di garantire il collegamento di destinazione. In secondo luogo, un blogger può generare contenuti di alta qualità per indirizzare il traffico e creare collegamenti a ritroso in modo naturale.

Quindi continua a pubblicare post sponsorizzati e allo stesso tempo aderisci ai termini di servizio di Google. Alla fine, il tuo sito avrà un aumento del traffico e genererai molti guadagni dai contenuti promossi.

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month