Connect with us

INNOVATORI VS COVID-19

Shortlist.Me: La videocomunicazione nel futuro dell’occupazione

Pubblicato

-

David Dewey Shortlist.Me

Abbiamo parlato con David Dewey, CEO e fondatore di Shortlist.Me, una piattaforma che prepara  all’occupazione mediante dei colloqui di lavoro fittizi online. Uno strumento utile anche per tutti gli italiani che aspirano a lavorare per una grande azienda straniera.

Prima di tutto, come sta lei e la sua famiglia in questi tempi di COVID-19?

David Dewey: Per fortuna siamo tutti in buona salute e durante questo periodo la mia famiglia si è allargata, con la nascita del mio meraviglioso bambino.

È stato, ovviamente, un periodo molto toccante per tutti in tutto il Paese, ma ci sono stati anche aspetti positivi per molti, come raggiungere un maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata e passare più tempo con le persone che amiamo, anche se in molti casi lo abbiamo fatto virtualmente.

Ci racconta di lei, della sua carriera, di come ha fondato Lista.Me

David Dewey: Ho oltre 10 anni di esperienza di lavoro nel settore tecnologico e prima di avviare la mia attività nel settore dell’istruzione nel 2014, ho ricoperto ruoli nelle vendite e nella gestione aziendale/relazionale.

Ho sempre voluto fondare la mia azienda e creare soluzioni innovative che sfidano la “norma” e danno energia alle aziende risolvendo i loro maggiori punti deboli.

Ho dato il via a una soluzione di videointervista online che aiuta aziende come Mastercard, Allianz, Siemens e Nuffield Health a trovare il talento giusto, nel tentativo di sfidare e ridisegnare il tradizionale processo di reclutamento.

Comprendendo cosa volevano i datori di lavoro dalle loro assunzioni, ho poi visto un’altra lacuna nel mercato che doveva essere colmata, portandomi, nel 2018, a lanciare Lista.Me, una soluzione di preparazione all’occupazione che trasforma il modo in cui vengono svolte le valutazioni online fittizie.

Come innova Lista.Me?

David Dewey: Sono sempre intenzionato a unificare istruzione e occupazione, oltre a garantire che i potenziali cercatori di lavoro di oggi siano il più preparati e fiduciosi possibile prima di entrare nel mondo del lavoro.

Pertanto, in termini semplici, cerchiamo di fornire una soluzione best-in-class che non solo funzioni per garantire che le prossime generazioni siano attrezzate per soddisfare le esigenze dei datori di lavoro, ma che colleghi il divario e promuova la diversità e l’inclusione nel panorama del lavoro.

Con la tecnologia Shortlist.Me, miriamo ad aumentare il numero di candidati ammessi durante il processo di selezione e aiutare i candidati a sentirsi sicuri e preparati quando invitati a una valutazione online. La piattaforma è utilizzata principalmente dai servizi di carriera nell’istruzione superiore e superiore, dando loro accesso a una soluzione di preparazione all’occupazione che fornisce valutazioni fittizie “reali” per i loro studenti.

In che modo la pandemia di coronavirus ha influenzato la sua attività e come la sta affrontando?

David Dewey: Non c’è dubbio che la pandemia abbia accelerato l’adozione della tecnologia in tutte le sue forme. In effetti, ha portato avanti i progetti di trasformazione digitale del settore dell’istruzione di almeno un paio d’anni. E come risultato della prontezza del mercato che è cresciuta da un giorno all’altro, la domanda per il nostro servizio è aumentata di pari passo.

Tuttavia, dall’altro lato, ha anche bloccato alcuni dei nostri progetti aziendali. Avevamo, ad esempio, pianificato di riunire un team in un ufficio centrale che fosse la base per tutti i lavori, per continuare a promuovere e migliorare la nostra grande cultura. Questo è stato naturalmente frustrante, ma ha anche creato nuove opportunità, quindi non posso lamentarmi.

Ha dovuto fare scelte difficili e quali sono le lezioni apprese?

David Dewey: Penso che le scelte difficili siano state molte per tutti durante la pandemia: le aziende non si sono mai trovate di fronte a una situazione come questa.

All’inizio, non eravamo sicuri se saremmo stati in grado di fare trading o meno. Dovevamo scegliere se fermarci o provare ad andare comunque avanti. Abbiamo scelto di non trattenerci e di accelerare, e per fortuna questa è stata la scelta giusta.

Come affronta lo stress e l’ansia?

David Dewey: Stranamente, penso che sia nel DNA degli imprenditori prosperare in situazioni difficili e incerte.

Non c’è dubbio che lo stress e l’ansia siano presenti ogni giorno e penso che gli ultimi 12 mesi abbiano messo a dura prova la tolleranza di tutti.

Personalmente, cerco sempre di riconoscere ciò che puoi e non puoi prevenire. Inoltre, è fondamentale celebrare le vittorie, non importa quanto grandi o piccole siano, e prendersi un po’ di tempo lontano dal business.

Se mai mi sentissi particolarmente ansioso, mi piace anche allontanarmi dal laptop, bloccare i troppi pensieri e meditare. Questo mi aiuta a ottenere lo spazio di testa di cui ho bisogno per prendere decisioni migliori.

Chi sono i suoi concorrenti? E come pensa di rimanere in gioco?

David Dewey: La nostra concorrenza è la grande quantità di materiale e piattaforme di e-learning che esistono all’interno delle organizzazioni con cui lavoriamo. Sebbene queste risorse possano fare un buon lavoro nel mostrare teoricamente agli studenti come possono prepararsi per l’occupazione e presentarsi in un colloquio, Shortlist.Me dà vita a questa teoria e fornisce l’elemento di apprendimento esperienziale, aiutando a sviluppare candidati pronti per il lavoro.

Gli studenti sono in grado di mettere in pratica ciò che hanno appreso e, grazie all’intelligenza artificiale, ricevono una misura in tempo reale del loro livello di prestazioni. Ancora più importante, questo approccio chiude il ciclo di feedback e consente l’autoriflessione e lo sviluppo senza pressioni.

In conclusione, cosa ci dice?

David Dewey: Non è un segreto che l’uso di soluzioni basate su video sia salita alle stelle nell’ultimo anno e il modo in cui comunichiamo virtualmente è ora più importante che mai, sia in contesti personali che professionali.

La pandemia ha anche dato a molte aziende una prospettiva diversa in una giornata lavorativa, con molti che si sono impegnati a non tornare in ufficio – e a lavorare a distanza – o ad adottare un approccio più ibrido e di lavoro da qualsiasi luogo. Non credo che il mondo tornerà mai al lavoro “tradizionale”; quindi, mi aspetto solo che la dipendenza dalle comunicazioni video cresca.

Di conseguenza,  dobbiamo seriamente pensare a come stiamo preparando le persone a questo. Credo che inizi con la preparazione degli studenti e delle persone in cerca di lavoro, fornendo loro le conoscenze necessarie.

Il sito web?

https://shortlist.me/

Informazione pubblicitaria
Clicca qui per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter


Informazione pubblicitaria

Top of the month